CONDIVIDI

E’ la seconda in un solo mese.
Chelydra Serpentina. Questo il nome della tartaruga azzannatrice che i Carabinieri Forestali del CITES (Nucleo per la tutela delle specie di flora e fauna selvatiche in via d’estinzione) hanno trovato all’interno della vila comunale di Pomigliano D’Arco.
Si tratta del secondo caso. Il primo risale agli inizi di aprile, nello stesso luogo e in circostanze identiche.
L’animale è incluso nell’elenco allegato a un dm del 1996 ove vengono annoverati gli esemplari considerati pericolosi per la pubblica incolumità dei quali è vietata la detenzione.
La Chelydra serpertina predilige le acque stagnanti o i fiumi a lento corso, appartiene ad una specie originaria del nord america e fuori dal proprio habitat manifesta aggressività anche nei confronti dell’uomo (i suoi morsi possono staccare le dita a una persona adulta).
Anche questo esemplare è stato in un primo momento portato in un poliambulatorio veterinario del luogo e successivamente trasferito allo zoo di napoli.
Continuano le indagini per identificare chi deteneva illegalmente e ha abbandonato le 2 tartarughe.