Home Territorio A Marigliano la Festa diocesana dell’Azione cattolica dei Ragazzi

A Marigliano la Festa diocesana dell’Azione cattolica dei Ragazzi

14
0
CONDIVIDI

Sabato 18 maggio, a Marigliano, la Festa diocesana dell’Azione Cattolica Ragazzi della diocesi di Nola. Un pomeriggio per i bambini e le loro famiglie da trascorrere tra giochi all’aperto e attività formative, per grandi e piccoli.

«Vivere in modo pieno le piazze e le strade delle nostre città – spiega il vescovo Francesco Marino – è un obiettivo da perseguire per allontanare quei sentimenti di paura che sembrano caratterizzare i tempi che viviamo».

«La città di Marigliano – dice il sindaco Carpino – è contenta di ospitare l’Azione Cattolica Ragazzi. Il sogno di una città a misura di bambino si realizza anche e soprattutto attraverso momenti in cui proprio i bambini sono protagonisti e fanno sentire la loro voce».

Sabato 18 maggio, dalle 15.30 alle 19, la città di Marigliano ospiterà la festa diocesana dell’Azione Cattolica Ragazzi della diocesi di Nola. Corso Umberto e la Villa Comunale saranno colorati da centinaia di bambini e ragazzi provenienti da tutte le città della diocesi, mentre i loro genitori potranno conoscere il patrimonio storico e culturale della città di Marigliano con l’aiuto della Pro Loco Civitatis e degli studenti-Cicerone del Liceo Colombo. Introdurranno il pomeriggio di festa il vescovo di Nola Francesco Marino e il sindaco di Marigliano Antonio Carpino. Il titolo della festa è “Tutti a tavola!” e conclude il percorso annuale dell’Azione Cattolica diocesana.

«Vivere in modo pieno le piazze e le strade delle nostre città – spiega il vescovo Marino– è un obiettivo da perseguire per allontanare quei sentimenti di paura che sembrano caratterizzare i tempi che viviamo. Così come ha un valore sociale importante – prosegue il vescovo – recuperare tempi in cui le famiglie si ritrovano e si riscoprono non ‘isole’ ma comunità. Come credenti, anche con questi momenti di festa vogliamo dire a tutti che siamo umilmente a servizio del bene comune».