Home Prima pagina Somma Vesuviana, un «Mia Martini Festival» da brividi

Somma Vesuviana, un «Mia Martini Festival» da brividi

270
0
CONDIVIDI

La quinta edizione del Mia Martini Festival si è conclusa tra gli applausi e l’entusiasmo, non solo per le canzoni di Mimì interpretate da voci femminili che si faranno ricordare, le cantautrici Valeria Crescenzi, Kumi, Claudia Megrè, Giulia Pratelli, Valeria Quarta e Ida Scarlato dirette da Grazia Di Michele e accompagnate dalla Mia Martini Band diretta da Raffaele Minale, ma anche per la presenza dell’attrice Serena Rossi che ha convinto anche i più critici nella sua interpretazione dell’artista per la fiction biografica “Io sono Mia” di Rai Uno.

 Sabato scorso, alla presenza della sorella Olivia Bertè, anche la piazza intitolata a Mimì è stata inaugurata e la targa è lì, nella piazzetta di Rione Trieste dove la Martini si era esibita, con una grafica curata da Michele D’Avino. Domenica, il festival ideato da Ciro Castaldo, che ne è da sempre il direttore artistico, si è confermato un successo con un Summarte gremito e partecipe.

«Da brividi – commenta Ciro Castaldo – e le novità del concorso La Mia Canzone diretto dalla bravissima Grazia Di Michele sono state accolte con entusiasmo e una partecipazione straordinaria, come la presenza della straordinaria Serena Rossi». A sipario chiuso, è il momento dei ringraziamenti. «I nostri vanno di sicuro all’amministrazione comunale di Somma Vesuviana e al sindaco Di Sarno, come in egual misura a tutti coloro che hanno sostenuto Universo di Mimì in questo progetto culturale: ilmediano.it, mediapartner dell’evento e il suo direttore Carmela D’Avino che ha fatto parte della giuria di qualità, le associazioni Melagrana, Aurora Cultura e Somma Trekking, il Liceo Statale Cristoforo Colombo di Marigliano, la Sicamel, Parisi Frutta secca, l’Atelier Lombardi, la pizzeria Aragonese, Bethel grafic di Andrea Esposito, la dottoressa Francesca Allocca e il consigliere comunale dott. Salvatore Rianna».

Tra gli esperti in giuria, l’art director Luciano Tallarini,  Gianna Bigazzi, il cantautore Zorama e il critico musicale e già presidente di Rai Trade  Alba Calia, amica di lungo corso di Mia Martini.

Anche quest’anno la direzione artistica di Ciro Castaldo, ideatore dell’evento ed esperto biografo dell’artista, nonché autore del libro/cd Martini Cocktail, pubblicato da Edizioni Melagrana, è stata affiancata dalla direzione musicale del maestro Raffaele Minale, coadiuvato da numerosi musicisti professionisti.

In occasione del Festival, la commissione di esperti presieduta da Olivia Bertè, ha decretato all’unanimità la poesia vincitrice della III edizione del concorso Una poesia per Mimì. Si tratta di “Peccato Mimì” di Enzo Ciniglio al quale è andata l’opera realizzata in esclusiva per l’evento dall’artista ceramista Mariolina Vecchione.

La vincitrice del primo  concorso “la Mia Canzone” è stata Valeria Crescenzi.