CONDIVIDI

Riceviamo e  pubblichiamo una nota stampa dall’Accademia Vesuviana di Tradizioni Etnostoriche

 

“Devota dell’Uomo e dei prodigi del Consorzio Umano nelle battaglie dell’Intelligenza, doverosamente “prende a schivo” le impunite insipienze che continuano a dilapidare il nobile Patrimonio Alimentare d’Italia e a mortificare soprattutto quello che fu vanto delle nostre terre orgogliose di esportarlo.

Ci trova affranti la decretata morte della nostra albicocca e in particolare della preziosissima Pellecchiella ‘e Somma, che fu “vulio ‘e prena” dell’aristocrazia del palato, di artisti e poeti che per Lei venivano pellegrini e le rendevano omaggio.

Altro non ci è concesso che augurare ogni male, prima qua e poi là, a chi ci ha fatto quest’anno gustare la schifezza della frutta d’importazione, “tosta, acevera e fraceta”.

REQUIESCAT

Se ride ‘e vvote areto ‘e funerale,

ma chiagne overo chi te sape morta,

pecchè cu te scumpare nu valore

ch’era na gloria pe sta terra nosta.

Tu ire, pregiatissima Crisommola,

cunsulazione ‘e chi te canusceva,

d’ ‘a ggente ch’ appena t’assapurava,

s’arrecreiava e te benediceva:

si quaccheduno po t’annummenava,

ce steva pure chi pe te spereva.

Crisommola saputa, ca tenive

‘e culure cchiù belle ‘e ‘na zetella,

mo è nu turmiento dicere:

 QUI GIACE

‘A RIGGINA D’ ‘E FRUTTE

‘A PELLECCHIELLA