fbpx
venerdì, Dicembre 3, 2021

Sapete che vi dico? Quest’anno il Napoli si salva. Tu chiamala, se vuoi, scaramanzia

Gli azzurri battono al San Paolo la squadra del cuore del premier Renzi e fanno felice mezzo arco costituzionale. I verdiniani, intanto, tifavano per l’arbitro.

Gentile Renzi, illustrissimo premier: ma davvero pensi che con quel tuo “salutate la capolista” sussurrato ai giornalisti lo scorso 6 ottobre hai fatto un favore alla tua squadra del cuore? E invece, sei riuscito a far diventare antipatica a più o meno mezza Italia una squadra tosta e interessante, la Fiorentina appunto. E così, ieri, a tifare Napoli c’era una convergenza parallela, un’alleanza trasversale che nemmeno ai tempi del compromesso storico: grillini e berlusconiani, Fratelli d’Italia e fratelli coltelli (che poi sarebbero quelli di sinistra). I verdiniani no: i verdiniani tifavano per l’arbitro. Che infatti tifava per la Viola.

La realtà è che la Fiorentina ha giocato bene e che quel giocatore dal nome impronunciabile e inscrivibile stava pure per segnare, proprio come aveva fatto quando giocava col Borussia Dortmund. Pepe Reina, il portiere azzurro, ama però troppo Napoli e i napoletani per lasciarli vivere nel dramma di dover tentare di pronunciare quel nome (che come noterete manco io scrivo, pur potendo fare copia e incolla) per  poi associarvi una bestemmia. Un esercizio difficilissimo, un’impresa faticosa che, per fortuna, ci è stata risparmiata dal portierone spagnolo.

Il resto lo ha fatto il carattere della squadra, un tifo ad altissimo livello e un gioco che porterà lontano il Napoli. Dove? Qui bisogna invocare mister Sarri, che predica prudenza ad ogni piè sospinto e quando gli parli di scudetto pare quasi che si mette scuorno. Fa bene Sarri a invitare tutti a tenere i piedi per terra, anche perché dobbiamo ancora aspettare di incontrare una squadra cosiddetta “piccola” per capire quale sarà l’atteggiamento degli azzurri. Anzi, è davvero insopportabile il pensiero che ora il mondo pallonaro italiano si metterà a sperticarsi di lodi per Higuain, Insigne e soci, esaltandone le doti almeno fino alla prossima sconfitta. È un’altalena giornalistica poco professionale: ieri c’era salita la Fiorentina, l’altro ieri l’Inter, ora mi sa che tocca al Napoli.

Ma le analisi serie stanno da un’altra parte e quelle, associate ad una sana dose di scaramanzia, ci devono far sbilanciare poco. Ma veramente poco poco. Del tipo: “Sì, quest’anno ci salviamo”.

Ultime notizie
Notizie correate