fbpx
lunedì, Gennaio 24, 2022

Ospedali, Villa dei Fiori è Covid free: riattivati i reparti

Dopo lo sblocco del pronto soccorso è giunto il via libera anche per la cardiologia e la ginecologia della grande clinica convenzionata di Acerra

  

Dopo il focolaio Covid scoppiato due settimane or sono, stanno tornando gradualmente alla normalità le attività della clinica Villa dei Fiori di Acerra, una grande struttura sanitaria privata convenzionata che con i suoi 250 posti letto e i circa 500 addetti costituisce l’unico ospedale di un intero territorio popolato da quasi 300mila persone. Intanto il pronto soccorso è stato riaperto all’inizio di questa settimana mentre l’altro ieri sono stati riaperti i reparti di ginecologia e cardiologia. Ora la Villa dei Fiori è Covid free, già da qualche giorno. Cessato allarme, dunque, dopo i 14 tra pazienti e operatori sanitari rimasti contagiati. Un focolaio scoperto un sabato pomeriggio, il 13 novembre. Uno dei pazienti, una donna settantenne, è poi morta dopo essere rimasta contagiata nella cardiologia. Ma i responsabili della clinica hanno più volte affermato che si tratta di una morte riconducibile a gravi patologie pregresse e non al Coronavirus.

 

A ogni modo qui è tornato il sereno. Domenica scorsa gli ispettori dell’Asl Napoli 2 nord avevano fatto chiudere per motivi precauzionali il pronto soccorso e i reparti di ginecologia e cardiologia, vale a dire alcuni dei servizi sanitari di punta della clinica, quelli più utilizzati. Ma la chiusura è stata una batosta sanitaria per l’intera zona. Lo dicono i numeri. Il pronto soccorso della Villa dei Fiori fa registrare tra i 40mila e i 50mila accessi all’anno, cifre elevate e comunque più ridotte rispetto all’era pre-covid, quando si raggiungevano anche i 70mila accessi. Nel pronto soccorso ci sono 8 posti di terapia intensiva, adesso liberi. Il reparto di ostetricia e ginecologia fa invece registrare 1200 parti all’anno. Il “nido bimbi sani” cura 800 bambini all’anno e 400 piccoli pazienti sono curati in terapia intensiva e patologia neonatale. Infine la cardiologia: quella della Villa dei Fiori fa parte della rete regionale IMA (Infarto Miocardico Acuto).

 

Questo reparto tratta ogni anno 300 infarti per altrettante angioplastiche primarie, 500 angioplastiche normali e 1200 coronarografie. La elettrofisiologia installa, sempre ogni anno, 100 defibrillatori e 200 pacemaker ed effettua 100 ablazioni. La risonanza cardiaca, eccellenza assoluta nel Sud Italia, tocca annualmente il tetto delle mille procedure.

          

Ultime notizie
Notizie correate