Home Avvenimenti La storia a teatro: studenti della scuola media “San Giovanni Bosco –...

La storia a teatro: studenti della scuola media “San Giovanni Bosco – Summa Villa” commuovono al Summarte

241
0
CONDIVIDI

Gli studenti della scuola media statale “San Giovanni Bosco – Summa Villa” hanno approfondito il tema della memoria della Shoah, affrontando un percorso storico-laboratoriale che ha preso avvio con il convegno tenutosi il 30 gennaio 2019, ampliato durante le lezioni e confluito nella manifestazione tenutasi al teatro “Summarte” il 7 marzo, data significativa anche per celebrare la Giornata europea dei Giusti.

Se spiegare l’orrore dell’Olocausto è impossibile, NON DIMENTICARLO MAI è fondamentale. La memoria diventa, così, strumento esistenziale per contrastare qualsiasi forma di sopruso, evitando che la storia possa nuovamente ripetersi in forme così meschine. Questo percorso di approfondimento, fortemente voluto dal Dirigente Scolastico della S.M.S. “San Giovanni Bosco – Summa Villa”, Prof.re Ernesto Piccolo, ha previsto vari momenti di riflessione, per ricordare ciò che è impossibile comprendere. Dopo aver assistito all’emozionante spettacolo di narrazione, musica e sand art “La città che sussurrò”, il palcoscenico ha visto protagonisti coinvolgenti alcuni studenti delle classi terze. Drammatizzazioni, interpretazioni poetiche, letture declamative e video realizzati dagli alunni, alternati ai toccanti interventi del Dirigente Scolastico del Liceo classico-scientifico “Evangelista Torricelli”, Prof.re Giovanni Russo e dello storico, scrittore e presidente dell’Istituto regionale studi comunità locali, Prof.re Ciro Raia, hanno commosso e appassionato il pubblico presente in sala. Fondamentale il ruolo formativo di tali percorsi per poter arginare e prevenire qualsiasi forma di discriminazione.

In chiusura si è posta l’attenzione anche su alcune notizie di attualità che vedono ancora una volta l’intolleranza razziale e l’antisemitismo protagonisti della cronaca contemporanea, per poi soffermarsi sul fondamentale ruolo delle donne, ricordando l’importanza di celebrare l’8 marzo come momento di valorizzazione, omaggio e profondo rispetto per esse.