Europee 2024, ecco come si vota

0
321
Europee 2024, ecco come si vota

Elezioni Europee 2024. Ecco, orari, date, città e come si vota.

Domani, 8 giugno, e domenica 9 giugno, in Italia si svolgeranno le elezioni Europee 2024. I cittadini italiani sono chiamati alle urne per eleggere i 76 membri del Parlamento europeo. I Seggi saranno aperti dalle 15 alle 23 di domani e dalle 7 alle 23 di domenica. In concomitanza con le elezioni europee si svolgeranno le elezioni amministrative in oltre 3.900 comuni e la Regione Piemonte dovrà scegliere il suo nuovo governatore. Le elezioni riguarderanno 6 capoluoghi di regione e 29 di provincia.

Elezioni amministrative in Campania

Tra i comuni più importanti che rinnovano le Amministrazioni in Campania abbiamo Avellino, capoluogo di provincia e alcuni grossi comuni della città metropolitana: Casoria, San Giuseppe Vesuviano, Castellammare di Stabia, Torre Annunziata, Bacoli. Nel Casertano votano Aversa e Castel Volturno, nell’area in provincia di Salerno Capaccio, Nocera Superiore, Sarno. Al voto anche l’isola di Capri con Anacapri.

Chi può votare?

Per votare bisogna aver compiuto 18 anni. I cittadini italiani che risiedono in un altro Stato membro dell’UE possono scegliere di votare nel paese di residenza a patto che siano rispettate determinate condizioni. Lo spoglio, partendo dalle schede delle Europee, inizierà domenica notte e andrà a oltranza. Mentre, per le amministrative, lo spoglio comincerà lunedì 10 giugno, nel pomeriggio. Gli eventuali ballottaggi (nei Comuni con più di 15mila abitanti) si svolgeranno il 23 e il 24 giugno 2024.

Come votare alle Europee 2024?

Gli elettori devono recarsi a votare in possesso di documento di identità valido e tessera elettorale. In caso di smarrimento o esaurimento degli spazi per le timbrature sulla tessera, la stessa può essere richiesta anche nei giorni di votazione presso l’ufficio elettorale del comune di iscrizione nelle liste elettorali. È possibile votare una sola lista, e non è ammesso il voto disgiunto. L’elettore può tracciare un segno sul simbolo della lista scelta, anche senza indicare candidati.

L’elettore può altresì esprimere voti di preferenza, fino a un massimo di tre. Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso (ad esempio, nel caso di due preferenze: donna-uomo o viceversa; nel caso di tre preferenze: donna-donna-uomo o viceversa; donna-uomo-donna o viceversa). Se si esprimono più preferenze per candidati tutti dello stesso sesso, vengono annullate le preferenze successive alla prima.

Per i candidati compresi nelle liste di minoranze linguistiche può essere espressa una sola preferenza. La preferenza deve essere manifestata esclusivamente per candidati compresi nella lista votata. Il voto di preferenza si esprime scrivendo, con la matita copiativa, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e il cognome o solo il cognome dei candidati preferiti, compresi nella lista medesima.