CONDIVIDI

L’autopsia è stata effettuata. Ha confermato la dinamica della tragedia consumata nella camera da letto della casa di via Passariello, a Castello di Cisterna: è stato un omicidio-suicidio. Lui ha ucciso lei e poi si è sua volta tolto la vita. Intanto i parenti ucraini di Nina Schischiyanova Kotliarenko, 49 anni, la donna ammazzata con un colpo di pistola dal suo compagno, Nunzio Fornaro, 57 anni, imprenditore edile, la sera di lunedi 30 settembre, hanno permesso che i funerali potranno tenersi con le due salme appaiate, una accanto all’altra. Nina e Nunzio dunque staranno insieme anche dopo la vita. Lo hanno deciso entrambe le famiglie dei due protagonisti di questa dolorosissima vicenda le cui cause affondano nei rapporti interpersonali di questa coppia unita dal 2000, da quasi vent’anni. I due non avevano figli. I loro fratelli e le loro sorelle si riuniranno nella chiesa di San Nicola, oggi pomeriggio, alle 15, per dare l’estremo saluto ai feretri.