CONDIVIDI

Indotto Fiat sempre più nel dramma. Stamane l’azienda perugina ha comunicato la cassa integrazione per l’intero organico di Pomigliano.

Dopo l’occupazione della fabbrica gli operai, sabato, sono stati sgomberati dai carabinieri. Stamane, poi, quando sembrava che le produzioni dell’impianto di Pomigliano potessero in qualche modo riprendere, nonostante la prosecuzione dell’assemblea permanente e dello sciopero a oltranza, la Tiberina ha comunicato ai sindacati la cassa integrazione a zero ore per tutti i dipendenti, che di conseguenza sono rimasti all’esterno del cancello d’ingresso.

Per domani, intanto, incontro in prefettura. La Tiberina ha dichiarato dieci giorni fa l’avvio della procedura di licenziamento per 50 addetti.