Home Cronaca CERCOLA. RAPINA IN BANCA: CINQUE ARRESTI

CERCOLA. RAPINA IN BANCA: CINQUE ARRESTI

168
0
CONDIVIDI

I malviventi, per tentare la fuga, hanno aizzato un grosso rottweiler contro i Carabinieri che l’hanno abbattuto con colpi di pistola. 20.000 euro il bottino sottratto, restituito poi all’istituto bancario.

I Carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Giugliano in Campania hanno arrestato per rapina aggravata, porto abusivo di arma da fuoco e munizioni Alfonso D’Avanzo, 25 anni, incensurato, Giuseppe D’Alterio, 40 anni ed Antonio Cuozzo Nappi, 46 anni, sorvegliato speciale, entrambi già noti alle forze dell’ordine, tutti residenti a Giugliano. Con i ferri ai polsi anche Immacolata Borrelli, 30 anni ed Elvira Borrelli, 20 anni, incensurate e residenti a Ponticelli.

I tre uomini, durante il pomeriggio di ieri, luned&ìgrave; 11 giugno, hanno messo a segno una rapina alla banca "Monte dei Paschi di Siena", sul corso Riccardi. Nei dettagli, Alfonso D’Avanzo è entrato nell’istituto bancario fingendosi cliente mentre i due complici, a volto coperto, armati di pistola e di un grosso martello, hanno minacciato e bloccato la guardia giurata di servizio di vigilanza nel suo gabbiotto, fermando la porta con una zeppa di legno. Il 25enne si è fatto consegnare dagli impiegati 20.000 euro in denaro contante e poi è scappato insieme ai complici a bordo di un’autovettura, seguita da un’alta auto di appoggio guidata da Immacolata Borrelli. Poco dopo i militari dell’arma sono riusciti a rintracciare i malviventi a Ponticelli in un casolare di campagna in via Sepone.

Uno dei rapinatori per tentare la fuga ha aizzato un grosso rottweiler contro i Carabinieri i quali, per evitare di essere azzannati, l’hanno abbattuto con colpi di pistola; nel frattempo Elvira Borrelli, per favorire la fuga dei complici, ha tentato di chiudere il cancello per ostacolare l’intervento delle forze dell’ordine che sono riuscite ad entrare ed a bloccare i tre uomini, trovati in possesso dell’intero bottino e di una pistola calibro 9 con matricola abrasa usata durante la rapina. Il 25enne è stato formalmente riconosciuto di persona dalle vittime ed il bottino è stato restituito agli aventi diritto. Tutti gli arrestati son stati tradotti nei carceri di Poggioreale e di Pozzuoli.
(Fonte foto: Carabinieri di Giugliano)