Home Prima pagina Whirlpool, sindacati compatti accanto ai lavoratori

Whirlpool, sindacati compatti accanto ai lavoratori

56
0
CONDIVIDI

“Il tavolo di ieri ha confermato l’ambiguità di una azienda. Ad un certo punto si era quasi rotto. Bravi sono stati i segretari nazionali a riprenderlo, lanciando alcune proposte e con l’appoggio del ministro abbiamo raggiunto due obiettivi importanti. La non chiusura di questo sito e il non disimpegno di Whirlpool su questo stabilimento”.
Lo ha detto Biagio Trapani, segretario generale Fim Cisl di Napoli, intervenendo all’assemblea che si è tenuta oggi alla Whirlpool di via Argine. “La grande compattezza che emerge in questa assemblea – ha affermato Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm – rafforza la nostra determinazione nella lotta per salvare la Whirlpool di Napoli. La richiesta alle istituzioni tutte è di schierarsi al fianco dei lavoratori: Governo, Regione e istituzioni locali possono fare ciascuno la propria parte”. “Le istituzioni – ha sottolineato Barbara Tibaldi, segreteria nazionale Fiom – sono fortemente presenti in questa battaglia”.

“Togliere i contributi a Whirlpool non avrà alcuna ricaduta sui lavoratori del sito di Napoli dal momento che l’unica strada possibile è avviare una discussione sul piano industriale”. Ne è convinto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha puntato il dito sulle responsabilità del Governo.

“Abbiamo verificato che il Ministero era stato informato già da aprile dell’orientamento della Whirlpool. Per due mesi, credo perché c’erano le elezioni europee, non si è fatto niente. La cosa che mi preoccupa di più è – ha evidenziato il governatore – il ritardo con cui si apre un tavolo di discussione di merito del progetto industriale Whirlpool perché, fino ad oggi, abbiamo assistito a contrapposizioni ideologiche assolutamente inutili dal punto di vista dei lavoratori”.