CONDIVIDI

A mezzogiorno, nell’aula al piano terra di Palazzo Torino, la seconda seduta consiliare dedicata ai question time convocata dal presidente Giuseppe Sommese: all’ordine del giorno due i quesiti, entrambi presentati dal consigliere Salvatore Rianna (opposizione, civica Ripartire si Può). Il primo riguarda l’attività dell’ufficio condono (leggi qui), il secondo è molto sentito dalle famiglie perché ormai da settimane è insistente la voce che gli alunni dei plessi del I circolo di Mercato Vecchio e Pomintella saranno spostati. Dove, ancora non si sa.

Giuseppe Sommese, presidente del consiglio comunale

Sull’argomento si erano già sollevate polemiche perché il gruppo Somma Futura (consiglieri Celestino Allocca, Umberto Parisi, Vincenzo Piscitelli) aveva chiesto di inserire all’ordine del giorno del consiglio comunale un dibattito sullo stato dell’edilizia scolastica e lo stato delle scuole cittadine, ma la richiesta non fu accolta. La polemica è proseguita sui social e nei commenti si era inserito anche il presidente del consiglio comunale Sommese il quale sosteneva che nessuno dei tre consiglieri, dopo la richiesta, si era poi presentato alla riunione dei capigruppo e che nessuna richiesta era mai stata protocollata giacché, con una pec, si era soltanto richiesto di discutere l’eventualità in conferenza dei capigruppo per cui non si era potuto dar corso alla cosa. Nel mentre il consigliere Allocca ha firmato una interrogazione relativa agli edifici scolastici e alla loro sicurezza, ma almeno per quel che riguarda l’urgente questione di Mercato Vecchio e Pomintella, stamane sarà Rianna a chiedere risposte. In parte sono già, di striscio, arrivate perché ieri, all’albo pretorio del Comune è stato inserito un avviso pubblico….

Giuseppe Di Palma, assessore Edilizia Scolastica
Il consigliere Salvatore Rianna

Mamme arrabbiate, famiglie nell’incertezza: da settimane ormai si vocifera che la scuola dell’infanzia di via Pomintella e quella primaria di via Mercato Vecchio, un totale di 242 alunni del I circolo didattico, saranno spostate in altra sede. Dove, per adesso, non si sa, nonostante ipotesi ufficiose. Oggi se ne saprà qualcosa in più perché alle 12, nell’aula consiliare di Palazzo Torino, sono previsti due question time, uno dei quali riguarda proprio la situazione delle scuole di Mercato Vecchio e Pomintella. Il quesito, presentato dal consigliere di opposizione Salvatore Rianna, insieme ad un altro relativo all’ufficio condono, è stato accolto e messo all’ordine del giorno nella seduta convocata dal presidente Giuseppe Sommese. «Quel che ho chiesto è se sia vera l’intenzione di spostare la platea scolastica altrove, le motivazioni e soprattutto dove si ha intenzione di spostare gli alunni – dice Rianna – ma intanto un avviso pubblicato sull’albo pretorio ci fornisce una conferma delle voci insistenti, giacché si indice manifestazione di interesse per trovare un immobile da acquisire in locazione e adibire a sede scolastica già dall’anno scolastico 2019 – 2020, il fatto è che siamo a giugno praticamente e mi chiedo: se l’avviso pubblico andasse deserto?».  Al momento in via Pomintella, in un immobile ad uso promiscuo scolastico – abitativo seppure con ingressi autonomi, ci sono tre classi dell’infanzia e 68 alunni, il Comune ha pagato finora un canone di locazione che ammonta a 18.618 euro annui. L’immobile a Mercato Vecchio, destinato per intero a scuola primaria, ospita per il momento dieci classi per un totale di 174 alunni e paga 68.442 euro l’anno. Nell’avviso pubblico inserito all’albo pretorio solo ieri, un giorno prima dei question time previsti oggi alle 12, si evince che l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Di Sarno ha intenzione di razionalizzare la spesa per i fitti passivi e prevedere, dove possibile, edifici contigui per scuole materne ed elementari. «Si dice anche che entrambi i contratti degli edifici di Mercato Vecchio e Pomintella sono scaduti – sottolinea Rianna – per cui oggi capiremo quali siano le intenzioni in caso, entro poche settimane, non si riuscissero a trovare sedi adeguate».