CONDIVIDI

Presentato in conferenza stampa il cartellone 2015/2016. Il sindaco Piccolo: «Eccellenza e professionalità, al Summarte si sta facendo un ottimo lavoro».

 I fratelli Gianfranco e Massimiliano Gallo in «È tutta una farsa» ad ottobre, Sal Da Vinci con «Se Amore è…Revolution», il Natale con «E noi zitti sotto» di Federico Salvatore, gennaio con Paolo Caiazzo e il suo «Non mi chiamo Tonino», Maria Bolignano con «Una Milf di troppo», aprile all’insegna del divertimento con Peppe Iodice e il suo «Stavolta mi butto», poi il duo Villano  – Pierri con «Sket c’è?», a chiudere la stagione arriverà infine a maggio Nunzia Schiano con «Femmene».

Otto spettacoli in abbonamento e protagonisti di primo piano del teatro, ma ci sarà anche la possibilità di un abbonamento ridotto a quattro spettacoli di teatro off: «Gli Amici se ne vanno» con Massimo Masiello; Massimo Andrei e Gea Martire in «Non farmi ridere sono una donna tragica»; «La Mandragolaparzica» con Lucio Pierri e Rosario Giglio e Fabio Brescia con Roberto Azzurro in «Unalampa». Inoltre, cineforum, rassegna di musica jazz, teatro per le scuole, un’accademia di recitazione diretta da Lucio Pierri e una di fotografia a cura di Teresa Capasso che dirigerà anche la rassegna artistica nella galleria del teatro.

Ricco dunque di eventi culturali il programma del Teatro Summarte di Somma Vesuviana, che alla presenza del sindaco  Pasquale Piccolo, della proprietà guidata dagli imprenditori Panico, Mastropasqua e Della Monica e sotto la direzione artistica dell’attore Lucio Pierri, ha presentato oggi il cospicuo cartellone di appuntamenti per la prossima stagione teatrale (nella foto il gruppo degli attori, by Angela Acanfora).Una scommessa vinta, il Summarte si deve ad una cordata di imprenditori che ha rilevato il vecchio cinema Arlecchino trasformandolo in pochi mesi in un punto di riferimento teatrale per tutta la provincia vesuviana.

Quattrocento posti, aria condizionata, un foyer adibito a sala da tè e una galleria d’arte: il Summarte non è solo palcoscenico ma un vero centro polifunzionale di arte.  «In pochi mesi di attività – ha detto il sindaco Piccolo – ho già avuto modo di verificare il successo di questo spazio a cui va tutta la mia stima per l’ottimo lavoro che la proprietà e la direzione artistica sta portando avanti con passione e professionalità».