CONDIVIDI
Un inizio all’insegna dei grandi numeri che ha superato ogni più rosea aspettativa. Oltre ottocento le persone presenti all’apertura del Festival di Casamarciano. Ad inaugurare la IX edizione lo spettacolo di Luciano Melchionna “Dignità autonome di prostituzione” con un cast rinnovato ed una trama completamente rivisitata, ispirata alla storia e ai saloni del Castello. Trenta gli attori in scena che hanno dato voce e corpo a performance artistiche e musicali di grande impatto attrattivo. Lo show, record di repliche in tutta Italia, andrà in scena fino a domani, domenica 8 settembre. Da lunedì 9, invece, cambia tutto, a cominciare dalla location. Sarà infatti il sagrato della Chiesa di Santa Maria del Plesco ad ospitare gli spettacoli in cartellone fino a domenica 15 mentre all’interno del sito ci sarà spazio per la mostra “Fotogrammi di storia della città”. In esposizione fotografie e documenti antichi del Castello messi a disposizione dai cittadini e curati dal direttore artistico Giulio Baffi.
“Siamo ad una vera svolta – dichiara il sindaco del Comune di Casamarciano che ha promosso la kermesse – Ci avviciniamo al decennale di un evento che ha cambiato la storia della comunità e che, nel nostro piano programmatico, ne accrescerà ulteriormente il prestigio. Gli sforzi messi in campo in questi nove lunghi anni sono serviti non solo ad avere nomi importanti ogni anno in cartellone ma anche e soprattutto a valorizzare l’identità di questi luoghi per i quali sono in arrivo importanti novità”.