CONDIVIDI

Riepilogo delle ispezioni effettuate dai Carabinieri del NAS di Napoli nell’ambito dei settori “alimenti” e “sanità”. Controlli finalizzati a rendere tranquilla l’estate 2019:

Pozzuoli, Corso Umberto I: i Carabinieri del NAS di Napoli hanno eseguito un’ispezione igienico-sanitaria presso un market al cui termine hanno sequestrato amministrativamente 20 kg di alimenti carnei e vegetali (pane, panini, misti di insaccati vari e lattiero-caseari) risultati privi di rintracciabilita’ alimentare e diffidato i titolari in ordine a carenze igienico-sanitarie e documentali dei locali: deposito, servizio igienico e spogliatoio del personale;

Pozzuoli, al Corso Umberto I:  i Carabinieri del NAS di Napoli, al termine di una verifica igienico-sanitaria eseguita nell’ambito della somministrazione di alimenti e bevande, hanno sequestrato circa 10 kg di prodotti ittici, carnei, dolci e preparati vari, privi di rintracciabilità alimentare;

Quarto Flegreo, via Campana: militari del NAS di Napoli hanno eseguito un’ispezione igienico-sanitaria presso un supermercato e qui  hanno proceduto alla chiusura di un deposito di bibite/bevande e alimenti vari, in quanto privo dei previsti titoli autorizzativi e dei necessari requisiti igienico-sanitari;

Monte di Procida, Largo VII Luglio: militari del NAS di Napoli hanno eseguito un’ispezione igienico-sanitaria presso un’attivita’ di ristorazione ed hanno sequestrato 50 kg di alimenti, tutti preparati di gastronomia privi di rintracciabilita’ alimentare. I Nas hanno poi imposto prescrizioni alla parte in ordine a carenze igienico-sanitarie e documentali riscontrate – riferite agli/alle ambienti/aree deputati/e allo svolgimento dell’attivita’ di preparazione piatti pronti – di cui alla normativa europea vigente;

Acerra, i Carabinieri del NAS di Napoli, su denuncia/segnalazione di un privato cittadino, hanno effettuato una verifica presso una rivendita di bibite ed acque minerali di via Molino Vecchio. Al termine dell’ispezione i carabinieri hanno chiuso l’attività commerciale perché risultata priva di titoli autorizzativi e in carenti condizioni igienico-sanitarie.