Covid-19, nell’area nolana in calo i numeri dei positivi

0
89

Con l’arrivo delle festività natalizie, la scelta di rendere tutta l’Italia zona rossa ha fatto molto discutere, ma i risultati non sono tardati ad arrivare. Una stima in alcuni dei comuni dell’area nolana mostra una situazione in netto miglioramento, con numeri di positivi al Covid al di sotto della soglia 100, fatta eccezione per Marigliano.

Nel mese di dicembre si è assistito ad un nuovo lockdown, sicuramente meno restrittivo di quello a cui tutti siamo stati costretti nel periodo marzo-aprile, ma capace di lasciare il segno allo stesso modo. Una misura necessaria secondo il governo per limitare il diffondersi dell’epidemia in quel periodo dell’anno in cui maggiormente ci si riunisce per festeggiare insieme e scambiarsi gli auguri tra amici e parenti. Una manovra drastica che ha le sue note dolenti, specie considerando l’economia nostrana ormai in ginocchio, ma spiragli di luce si iniziano ad intravedere sul territorio nolano. Numeri in netto miglioramento emergono dagli ormai consueti bollettini che le singole amministrazioni comunali rilasciano con periodicità, a dimostrazione del fatto che la nuova stretta sulla nazione ha avuto delle conseguenze positive per il Paese.

Nel comune di Nola, infatti, si contano 45 positivi divisi fra: 24 in zona Nola centro, 15 a Piazzolla, 6 a Polvica, mentre 41 sono attualmente i cittadini in sorveglianza sanitaria. Nel comune di Saviano, invece, si contano 21 positivi con sole 5 persone in sorveglianza sanitaria.

In netto miglioramento anche i comuni di Tufino e Casamarciano, il primo con soli 2 positivi e 5 cittadini in isolamento, mentre il secondo con 2 soggetti ancora positivi e altri 2 in isolamento. Sono 32 i positivi nel comune di Cimitile, mentre a Camposano si contano solo 9 positivi.

A poche ore fa risale una comunicazione diffusa dal sindaco Edoardo Serpico di Scisciano: «Si comunica che, al momento, 15 cittadini residenti nel nostro comune risultano positivi al coronavirus, a cui vanno aggiunti 12 ospiti di una struttura per anziani. La curva dei contagi è in discesa e tra le più basse dell’intera regione in proporzione alla popolazione residente. Ciononostante si raccomanda di continuare ad osservare tutte le norme di prevenzione igienico-sanitarie, di distanziamento ed il corretto uso dei dispositivi di protezione individuale. Insieme ce la faremo!»

Situazione ben più critica si presenta a Marigliano, dove il primo cittadino Peppe Jossa comunica: «Il bollettino Covid 19 della città di Marigliano vede la situazione sempre stabile con 113 casi attivi e un numero di nuovi positivi e guariti simile. Purtroppo la tendenza leggermente in crescita riscontrata negli ultimi giorni è stata individuata da parte delle autorità sanitarie in due cluster specifici che riguardano contesti familiari dove bisogna avere estremo senso di responsabilità. Per questo vi ricordo sempre di avere massima attenzione e rispetto delle regole. Grazie».

Segnali di miglioramento in ogni comune se si pensa che appena due mesi fa erano stati toccati picchi altissimi di contagi, superando addirittura i 600 nel comune di Nola. Ognuno, però, deve tenere alta l’attenzione senza sottovalutare il pericolo di incorrere in una terza ondata anche peggiore delle prime due.