CONDIVIDI

Regione Campania e Arpac non hanno collaborato per il rilevamento del particolato.

Sulla questione sforamento delle polveri sottili nel Comune di San Vitaliano, il Forum Ambiente Area Nolana punta il dito contro Regione Campania ed Arpac per non aver ancora effettuato un vero monitoraggio dell’aria in tutti i Comuni del territorio nolano. Nello specifico dobbiamo stigmatizzare ancora una volta il cattivo lavoro dell’Arpac: è molto grave il fatto che non sia stata mai fatta una speciazione delle polveri sottili, cioè un analisi completa delle tipologie di particelle emesse, risultate elevate dai dati dell’unica centralina installata dall’amministrazione comunale di San Vitaliano, che poteva così mirare la sua azione sulle vere fonti di inquinamento, evitando la gogna mediatica nazionale a cui è sottoposta. Merito deve essere tributato, invece, al sindaco Antonio Falcone, in quanto San Vitaliano è l’unico Comune in tutta l’area nolana ad avere almeno una centralina funzionante. Lo sforzo, adesso, deve essere rivolto a tutti i primi cittadini, a partire da quello di Nola, chiamati a commissionare analisi scientifiche accurate e in tempi brevi, proprio per determinare il grado di inquinamento da polveri sottili e altri inquinanti nella matrice aria. Per questo il Forum Ambiente Area Nolana lancia la proposta di un’assemblea dei sindaci per invitarli a contattare immediatamente enti universitari preposti alla rilevazione della qualità dell’aria con centraline mobili, come ci risulta abbia fatto nelle ultime ore il Comune di Saviano in collaborazione con il Dipartimento di Scienze ambientali della Seconda Università di Napoli, diretta dal Prof. Sante Capasso. Profetico, a tal proposito, è stato il fisico napoletano Carlo Schiattarella, che per primo nel gennaio di quest’anno aveva allertato le autorità preposte sulla questione San Vitaliano, evidenziando picchi sospetti di innalzamento delle concentrazioni di polveri sottili nell’aria della cittadina nolana, ma anche dati preoccupanti derivanti dai rilievi fatti Tufino, nell’area della Cava Marinelli e le discariche di Paenzano 1 e 2. Il 13 gennaio prossimo una tavola rotonda ad Acerra sulla questione, promossa dal comitato ‘Volontari per Francesco’, nella Sala dell’Umana Accoglienza alle ore 18, con tecnici, medici e scienziati che discuteranno sul da farsi.

ARTICOLO SCHIATTARELLA montato2
Articolo di Carlo Schiattarella
Grafico rilevazione benzene Tufino
Grafico rilevazione benzene Tufino