San Vitaliano, Raimo: “Promettiamo un cambiamento di rotta”

0
168

La squadra di Pasquale Raimo, che fa capo alla lista “San Vitaliano rinasce”, parla ai cittadini di rilancio economico, scuola e beni comuni.

Si entra nel vivo della campagna elettorale Sanvitalianese con la discesa in piazza dei candidati sindaco e delle loro rispettive compagini. Prima prova superata per Raimo, che dimostra di saper coinvolgere una seppur discreta folla nella strategica piazza Antonio de Curtis, luogo che ospita i comparti della ex 219 e il parco giochi abbandonato da anni.

Una squadra coesa e variegata per competenze e fasce d’età, ma soprattutto una compagine di volti nuovi, in linea con l’intento, espresso da Raimo già in sede di presentazione della lista, di rinnovamento totale della gestione amministrativa. Se fino ad ora hanno impostato una campagna dai toni bassi, questa volta i candidati al consiglio comunale non risparmiano scoccate agli avversari uscenti, accusati di aver basato la campagna “solo su attacchi e ironia”.

“È tutto sotto i nostri occhi ”, dichiarano. Si parte dal degrado delle strutture sportive e scolastiche, dai cumuli di macerie a ridosso del campo sportivo, nello spazio adiacente il plesso scolastico, fino allo stato dell’isola ecologica, in via San Martino. Tutti risultati di una cattiva gestione del territorio. Bocciate anche le politiche sociali, punta di diamante dell’amministrazione Falcone, perché “attuate con scopi utilitaristici e perché non hanno inciso sulle fasce più deboli”. Diverso registro invece per Pasquale Raimo, che nei suoi interventi puramente tecnici mostra una linea più diplomatica: “Questa discesa in campo – dichiara – non è contro le persone ma contro il modo di amministrare”. Concetto già ampiamente espresso in apertura della campagna.

“Non mi ha spinto alcunché di personale nei confronti degli attuali avversari politici, solo il desiderio profondo di cambiare rotta e cercare, con il vostro aiuto e le vostre idee, di far rinascere una San Vitaliano assopita e dormiente. È l’amore per il paese che ci chiama e grida di anteporlo ai personalismi e a gli interessi”. In piazza De Curtis Raimo insiste su uno dei primi impegni che l’amministrazione, in caso di vittoria, si impegnerà a portare a termine. Si tratta dell’assegnazione dei 67 alloggi ex legge 219: “Ci impegneremo nei primi cento giorni – dichiara – ad effettuare tutte le operazioni necessarie e a stipulare tutti gli atti notarili per chi voglia diventare proprietario degli alloggi. C’è già una delibera della Regione datata 2010, ma nulla è stato fatto da allora”.

Raimo assicura inoltre che l’area per il parco giochi verrà riaperta e la sua gestione affidata ad organismi o associazioni competenti. Una via d’uscita, dunque, che passa attraverso tre punti: un programma forte e risoluto, un fronte di forze politiche e culture civiche che si avvalgano di più donne e più giovani, un gruppo di lavoro presente e competente. Tra i temi scottanti, la scuola. Dopo il “miope e tardivo impegno dell’amministrazione Falcone che ha provocato la perdita dell’autonomia organizzativa”, si legge nel programma, Raimo assicura il miglioramento e l’adeguamento strutturale dei plessi scolastici.

“La scuola deve tornare ad essere un punto d’incontro e di scambio culturale. Assolverà anche una funzione ricreativa con l’introduzione di progetti pomeridiani che impegneranno i più giovani, instillando l’amore per gli spazi scolastici. Per realizzare questo, si è dato spazio a nuove candidature”. Questa sera sarà invece il turno di Falcone, con la lista “Identità, sviluppo e serenità per San Vitaliano”, per la prova della piazza. Anche la campagna elettorale di Raimo proseguirà questa sera in piazza Leonardo Da Vinci con una manifestazione musicale che prevedrà assaggi tipici tradizionali.