CONDIVIDI

“Valentin Express, tratto da Tingel Tangel di Karl Valentin, poesie da Bertold Brecht, Hermann Hesse. In scena al Teatro San Carluccio

La compagnia Muricena Teatro composta da giovani e promettenti attori sarà di scena al teatro San Carluccio di via San Pasquale a Chiaia 49 da giovedi 10 a sabato 12 alle ore 21:15 e domenica 13 alle 18:30 con “Valentin Express”,Favola nera sul tempo perduto spettacolo in atto unico ambientato tra il 1933 e il 1945. Lo spettacolo basato sulla favola Tratta da Tingel Tangel di Karl Valentin guarda al periodo della seconda guerra mondiale con amara ironia da kabarett dimenticato, attraverso sketches di Karl Valentin, e con spietata crudeltà poetica attraverso liriche di Bertold Brecht ed Hermann Hesse. Tre autori tedeschi, tre voci unite nella speranza e nel sguardo critico che li accomunò.

Tre vittime della propria "razza" assetata di potere, tre mosche bianche, contestatori instancabili di un regime che ha finito per schiacciare ogni forma di umanità. Una favola come pretesto per interrogare noi stessi sulle grandi manipolazioni che l’uomo, non solo in quegl’anni con il regime fascista ma anche nel corso della storia successiva fino ad oggi, ha subito sulla propria pelle, pagando sempre il prezzo più alto. Una Favola nera del tempo perduto, ricerca nell’assurdo paradosso della parola di un grido da poter lanciare nel buio del futuro, un’esigenza interiore dell’uomo che vuole a tutti i costi sopravvivere, esistere, per avere indietro il tempo che gli è stato derubato con l’inganno e con le false ideologie. La regia dello spettacolo e l’adattamento sono a firma di Daniele Marino mentre la traduzione del testo è stata affidata a Mara Fazio.

Lo spettacolo vede protagonisti un gruppo di giovani promesse del teatro partenopeo Gennaro Cuomo, Federica Altamura, Antimo Casertano, Katia Tannoia,
Adriano Falivene, Raffaele Parisi, Carlo Vannini e lo stesso Daniele Marino. Le Musiche sono state composte da Carlo Vannini, la scena e i costumi da Barbara Veloce, l’audio e le luci grazie a Giovanni Porcaro, il trucco eseguito da Daniela Luna Esposito e infine il graphic design ad opera di Armando Ianuale.
(Fonte foto: Rete Internet)