CONDIVIDI

La pagina social dei Giovani Democratici è stata chiusa dopo la pubblicazione di alcune proposte legate al recupero delle stanze dell’ex convento di San Domenico.

 

Ciò che è accaduto nei giorni scorsi – spiega il segretario cittadino Carlo Fraticelli – è qualcosa di vergognoso che ha destato tante preoccupazioni e perplessità. Tutto è successo a seguito della pubblicazione sul social di alcune idee e proposte del gruppo. La pagina è stata segnalata per atti di incitamento all’odio, discriminazioni razziali, nudità e così via. Ovviamente, hanno cercato di imbavagliare le bocche di questi valenti giovani. Non si sa chi possa aver compiuto questo ignobile gesto,  ma garantisco – continua Fraticelli –  che tutto ciò ci darà solamente più forza per far emergere tutta la  scomoda verità e proseguire per il bene comune del nostro paese. Prima che pubblicassimo le nostre proposte e le nostre scoperte sui social e prima che ci oscurassero, c’eravamo recati nell’ ex convento Domenicano, dove attualmente è presente l’archivio storico del nostro paese. Eravamo riusciti a visitare tutto il complesso conventuale e a scattare delle foto all’interno, scoprendo un luogo totalmente dimenticato nel corso degli anni da un po’ tutte le istituzioni, ma con del potenziale enorme a causa del suo inesauribile spazio.

La nostra proposta – conclude il segretario – mira a creare aule studio, offrendo la possibilità a tutti i giovani, come noi, di poter studiare o leggere in tranquillità ed armonia, considerando le scarse capacità di accoglienza dell’unica aula studio presente nel nostro paese all’interno della biblioteca cittadina, peraltro mancante di un qualificato bibliotecario dopo il pensionamento del Dott. Aurelio Cerciello.  Tra l’altro, bisogna aggiungere, che l’aula studio è collocata in pieno centro urbano ed è totalmente circondata da un enorme inquinamento acustico.

 

I Giovani Democratici hanno portato questo progetto al cospetto dell’Amministrazione cittadina, che si è dimostrata disponibile ad accogliere le giovanili idee, dichiarando inoltre che già esisteva un forte interesse per la valorizzazione di un luogo ricco di storia e di bellezza.