CONDIVIDI
La Procura della Repubblica di Nola

 Concorsopoli, il 20 novembre si va in aula. L’inchiesta che portò, il 6 dicembre 2019, all’arresto dell’ex sindaco di Sant’Anastasia Lello Abete, dell’ex consigliere Pasquale Iorio (difeso dall’avvocato Sabato Graziano), di Egizio Lombardi (avvocato Antonio De Simone) che all’epoca dei fatti era segretario comunale di Sant’Anastasia e Pimonte nonché presidente delle commissioni di concorso in entrambi i comuni e di Alessandro Montuori (avvocato Vincenzo Desiderio), titolare dell’agenzia che si occupava delle selezioni e delle prove, si avvia al primo step della vicenda nelle aule giudiziarie.

Slittata la data della prima udienza, in precedenza fissata per il 2 novembre, il processo, con rito abbreviato se saranno accolte le richieste in tal senso, inizierà dunque in camera di consiglio venerdì 20 novembre. Lombardi, Iorio, Montuori, hanno tutti collaborato con la Procura, svelando ogni dettaglio dei concorsi «truccati», dei concorrenti che pagavano la vittoria, o anche la sola idoneità, con somme che andavano dai 20mila ai 50mila euro. Abete, invece, che nel frattempo ha cambiato legale affidandosi all’avvocato Domenico Sabbatino, resta l’unico a non aver confessato. Tra le varie accuse di corruzione e di azioni criminose dedite all’illecito superamento di concorsi pubblici, sembra caduta quella di associazione per delinquere già stralciata da una sentenza del riesame, poi oggetto di un ricorso in Cassazione del pubblico ministero. La Suprema Corte, dopo aver annullato la prima decisione del Riesame l’ha rimandata ad altra sezione la quale ha confermato (a metà settembre scorso) invece la decisione iniziale.  Una «vittoria» parziale ma in ogni caso importante ai fini dell’eventuale pena. Intanto, da indiscrezioni fondate, lo scandalo Concorsopoli che – viste le dichiarazioni rese da almeno tre degli indagati – riguardava non solo Sant’Anastasia ma numerosi comuni del vesuviano e oltre, starebbe per deflagrare ulteriormente con l’arrivo di avvisi di garanzia ad amministratori locali e concorrenti paganti in diversi paesi della zona e oltre.