Raccolta noci e nocciole, l’ordinanza del sindaco: multe fino a 500 euro

0
450

 

MARIGLIANELLA – Come ogni anno, tra i mesi di settembre e novembre avviene la raccolta delle noci e delle nocciole e per regolamentarla, dal Comune di Mariglianella, il Sindaco, Dott. Arcangelo Russo, ha emesso un’apposita ordinanza atta a prevenire e scongiurare situazioni di rischio e/o pericolo per la salute pubblica e per gli edifici. La tradizionale modalità della raccolta delle noci, mediante una lunga pertica di legno, nel trionfo della manualità dei singoli agricoltori, in questi ultimi decenni di agricoltura industrializzata è stata ormai soppiantata dalla sua meccanizzazione. In questo caso la macchina scuotitrice e raccoglitrice semovente dotata di un sistema di spazzole, di aspiratori e di soffiatori, nel suo incedere tra i filari del noceto ne raccoglie i frutti senza comprometterne l’integrità.

Il Sindaco Russo ha disposto il divieto dell’utilizzo di tali macchine adibite allo scuotimento delle piante di noci ad una distanza inferiore a metri 200 dalle civili abitazioni e di qualsiasi altro edificio. Inoltre ha disposto il divieto dell’utilizzo di macchinari automatizzati per la raccolta delle nocciole, quali soffiatori, macchine aspiratrici e vagliatrici, ad una distanza inferiore a metri 150 dalle civili abitazioni e da qualsiasi edificio. Inoltre ha disposto  che la violazione alla stessa ordinanza sarà punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 25,00 ad Euro 500,00 prevista dall’art. 7 bis del Decreto Legislativo 267/2000. La Polizia Locale e gli altri Organi competenti sono incaricati del controllo dell’esatta esecuzione della stessa ordinanza.

Il Sindaco Russo ha dichiarato: “Per risolvere tale stagionale problematica ho emesso l’apposita ordinanza considerando che l’agevolata lavorazione mediante l’utilizzo di macchine automatizzate comporta alcune conseguenze che possono rivelarsi disagevoli, in prossimità dei fondi agricoli, per i contesti abitativi civili, i siti rurali e capannoni agricoli come pure possono provocare una eccessiva produzione di polveri che una volta disperse in aria formano una cappa irrespirabile che crea problema all’apparato respiratorio. Tanto predisposto per una corretta e coerente azione preventiva”.