CONDIVIDI

Cinque milioni resi immediatamente disponibili dal governo per creare nuove infrastrutture e nuovi servizi a Pomigliano. La notizia è di appena ieri ed è la dimostrazione che continua il fair play avviato in campagna elettorale dal Movimento Cinque Stelle nei riguardi del sindaco uscente di Pomigliano, Raffaele Russo, col quale fino a poche settimane fa c’erano state solo scintille. Un fair play iniziato concretamente venerdi scorso, con l’arrivo a sorpresa in municipio della viceministro pentastellata all’economia, Laura Castelli, che ha promesso a Russo l’inizio di una collaborazione istituzionale finalizzata all’arrivo a Pomigliano di una pioggia di finanziamenti statali destinati al rilancio della città. Finanziamenti che prima dell’intervento del ministro Castelli erano utilizzabili solo dai comuni con una popolazione superiore ai 50mila abitanti e che ora possono essere destinati anche ai comuni più piccoli. Ebbene ieri, con la notizia dei primi cinque milioni riservati a Pomigliano, si è praticamente aperto il primo capitolo di questa collaborazione. Una collaborazione voluta dal leader cittadino del Movimento Cinque Stelle, Dario De Falco, uomo fidatissimo dell’altrettanto “pomiglianese doc” Luigi Di Maio. Intanto oggi, a Roma, nella riunione tecnica della Conferenza Stato-Città saranno concordati i contenuti del nuovo strumento destinato ai comuni compresi tra i 15mila e i 49999 abitanti. Strumento che prevede l’invio, per un limite massimo di 5 milioni a ogni comune, di finanziamenti destinati alla rigenerazione urbana. “La città di Pomigliano – anticipa Dario De Falco – potrà beneficiare dei 5 milioni ad esempio per la riqualificazione di palazzo Pranzataro, da trasformare in un centro polifunzionale per gli anziani, e per la realizzazione di un nuovo teatro. Con questi soldi Pomigliano potrebbe fare un balzo in avanti notevole”. Dopo l’approvazione dello schema di interventi da parte della Conferenza Stato-Città ci sarà il decreto del presidente del Consiglio dei ministri e quindi sarà pubblicato il bando di partecipazione per l’accesso ai fondi. “So che il Comune di Pomigliano – conclude De Falco – è già al lavoro per i progetti e la sinergia istituzionale con l’amministrazione uscente e gli uffici preposti ci consentirà di essere subito pronti a intercettare queste risorse”. “Questo provvedimento del Consiglio di ministri – commenta il sindaco di Pomigliano, Raffaele Russo – è un fatto estremamente positivo e se ciò diventerà legge noi ne saremo contenti. Tra l’altro non solo io ne sarò contento ma lo saranno tutti i sindaci dei comuni sotto i 50mila abitanti. Per quanto riguarda la destinazione dei finanziamenti verificheremo per quali progetti saranno utilizzabili”.