CONDIVIDI

La Commissione, nominata nella seduta di Consiglio del 9 marzo, è composta da cinque esperti- quattro architetti e un ingegnere- e le loro competenze “coprono” i Beni Ambientali, la Storia dell’Arte, le discipline storiche e le arti figurative. Si sono astenuti “dall’esprimere un nominativo” i consiglieri Michele Saviano e Francesco Ciniglio. Seguiremo con grande attenzione l’attività di questa Commissione, che è chiamata a svolgere un ruolo importante nell’ “amministrazione” di Ottaviano. 

 

Chiedo scusa per il ritardo nel comunicare.  Il 9 marzo il Consiglio Comunale – erano presenti 12 consiglieri e il sindaco avv.  Luca Capasso – ha eletto i cinque componenti della Commissione Locale per il Paesaggio. I nomi e i titoli li leggo negli atti: arch. Lorenzo Scaraggi, esperto in legislazione dei Beni Culturali; ing. Michele Bianco, esperto nelle discipline agricolo – forestali; arch. Michele Saggese, esperto in Beni Ambientali; arch. Vincenzo Picariello, esperto nelle discipline storiche e pittoriche e nelle arti figurative; arch. Patrizio Prisco, esperto in Storia dell’Arte. Dei cinque componenti conosco solo l’arch. Michele Saggese e posso dare testimonianza del rigore di metodo e della passione che stanno alla base del patrimonio delle sue competenze. Ma sono certo che anche gli altri metteranno al servizio della nostra Ottaviano quel corredo di conoscenze specifiche che ha indotto il Consiglio Comunale a eleggerli come membri di una Commissione così importante. Seguirò con grande attenzione il loro lavoro: perché anche io mi diletto – nel senso che sono un dilettante- di storia di Ottaviano, di storia dell’arte e di arti figurative, e, soprattutto, perché in questo momento la Commissione può dare preziose indicazioni agli amministratori. 

I consiglieri Michele Saviano e Francesco Ciniglio si sono astenuti – e ne hanno dato comunicazione all’assemblea – “dall’esprimere un nominativo e quindi di votarlo”, perché tutti i professionisti che hanno presentato domanda “hanno tutti la stessa valenza e, potenzialmente, gli stessi titoli e qualifiche per poter far parte della Commissione in oggetto.”. I due consiglieri si sono riservati “di osservare e di valutare nel tempo l’operato della Commissione stessa, a prescindere da coloro che ne faranno parte.”.

Auguriamo a tutti buon lavoro.