Home Lo Scarno Oggi le comiche

Oggi le comiche

104
0
CONDIVIDI

In questi giorni molti si stanno schiaffeggiando per le brutte figure della ministra dell’istruzione, Valeria Fedeli. La signora, col curriculum che ha non era adatta a quel ruolo e questo lo si sapeva; perciò tutto quello che ne sta conseguendo stupisce che stia stupendo. Diciamo la verità: la Fedeli è l’esatta rappresentazione dell’Italia degli ultimi vent’anni, il simbolo della formula “la persona sbagliata al posto sbagliato”.

E chi le ha dato le chiavi di accesso a quelle stanze? La politica, quella dei maneggioni, degli eterni compromessi, quella che premia i fedeli (servi di partito, stupidi e ignoranti) a danno di coloro che sanno esercitare una propria autonomia di giudizio, che hanno carattere e personalità e non accettano padroni.

Pensateci bene: Quante “Fedeli” abbiamo incontrato lungo il nostro cammino? Pensate negli uffici comunali, in quelli della regione, pensate alle Asl, nei distretti sanitari, pensate agli sportelli postali, pensate nelle scuole, pensate agli stessi politici locali. Avete mai assistito ad un consiglio comunale? Andateci, aiuta a capire persone e territorio meglio di come li spiegano manuali di psichiatria sui tipi psicologici e di sociologia politica.  Il risultato della formula “la persona sbagliata al posto sbagliato” è il disordine presente sotto gli occhi di tutti.

D’altra parte se dal 2000 ad oggi il PIL dell’Italia è fermo e la crescita è pari a zero non è certo per un sortilegio della strega cattiva. I giovani, liberi e forti di sé stessi, studiano e vanno via, costretti ad andare via. Vanno ad arricchire altri territori, altre realtà, altre nazioni, lasciando a noi l’ignoranza al potere o personaggi folkloristici come il governatore De Luca, che a ogni piè sospinto parla dei giovani, del merito,  dell’impegno di combattere il clientelismo e le parentele.

Lui, che ha un figlio assessore nella giunta a Salerno e l’altro figlio in pectore per diventare deputato. La Fedeli direbbe che i figli di De Luca sono “tra i più migliori giovani” e quindi andrebbero pure ringraziati per il servizio che ci fanno…

A noi, lei e De Luca, fanno solo ridere.