Non chiamatela dieta: la sana alimentazione e la svolta della Generazione Z

0
525

Parlare di Dieta in estate? La parola Dieta viene sempre più messa al bando! Viene sempre piu boicottata o non accettata e a invertire la tendenza è la Generazione Z, detti anche Centennials perché nati a cavallo del nuovo secolo. Fare, creare e lasciare il segno riassume l’orientamento valoriale di questa generazione, completamente immersa nel digitale, dove la vita si svolge senza soluzione di continuità tra offline e online, ma prevalentemente online. In uno studio condotto dalla CNN le bevande dietetiche stanno scomparendo dagli scaffali dei supermercati e vengono sempre piu spesso sostituite con prodotti identici etichettati come “zero zucchero”. Cosi come per pane e pasta che vengono maggiormente pubblicizzati indicando in modo evidente,  in etichetta, lo “ scarso contenuto in carboidrati ed il ricco contenuto in fibre e vitamine”. “Ai giovani semplicemente non piace la parola dieta”, ha detto Greg Lyons, chief marketing officer di PepsiCo Beverages North America durante una conferenza. Parlare di dieta e di conteggio delle calorie non ha più alcun senso nell’era della Body Positivity che, andando quasi oltre il senso del termine, non ammette più l’idea che sia possibile non sentirsi bene nel proprio corpo. La dieta è stata sostituita dalle continue indicazioni del mangiare sano e delle alimentazioni consapevoli, imparando ad ascoltare le necessità del nostro corpo . Influencer e brand passano il messaggio che alimentarsi bene significa nutrirsi bene, sinonimo di volersi bene.

Cosa mangiare allora, per rimanere in forma e non essere obbligati al calcolo delle calorie?

DIGIUNO CONSAPEVOLE : si fa mangiando sano e ragionato.

Due  ortaggi tipici dell’estate che possono essere un pasto semplice, efficace e ragionato , sono zucchine e pomodori.

Una giornata “ DIGIUNO CONSAPEVOLE VERDE DETOX” tipo:

A colazione: frutta di stagione con Kefir (+ caffè o altra bevanda calda non zuccherata).

A pranzo e a cena: passata di pomodoro fatta in casa e zucchine. Mangiare una porzione di verdura cruda mista, finemente tritata per agevolare la digestione gastrica e una porzione di verdura cotta, dose libera, per agevolare assorbimento di caroteni,  essenziali per avere un buon metabolismo cellulare, aggiungere alcuni gherigli di noci o mandorle o pinoli o semi di zucca; pane integrale di segale (g 40).

Il Digiuno consapevole, fatto in maniera intermittente, (solo alimenti vegetali e acqua e fatto a giorni alterni), contribuisce al  riposo intestinale, con netta azione drenante e rinnovamento metabolico. I pomodori sono tra gli ortaggi consigliati, ricchi di  carotenoidi, licopene, minerali, modulatori genici che influiscono epigeneticamente in senso positivo per accelerare il metabolismo ed aumentare l’antiaging!

La cottura favorisce la bio disponibilità dei carotenoidi. Il licopene viene assorbito a livello  intestinale per il 7% con pomodoro crudo. Mentre nel pomodoro cotto il licopene viene assorbito per il 40%. L’assorbimento dei carotenoidi, del licopene e’ favorito dalla cottura e da un filo di olio extravergine di oliva . Non vanno per forza di cose banditi i carboidrati, come gia indicato, ma  alla passata di pomodoro possiamo aggiungere una porzione di pane integrale o segale  abbrustolito per evitare i lieviti (40g) e foglie di basilico crudo. Giusta attenzione va al  Il basilico, che  non va mai cotto, perché la sua cottura attiva molecole nocive per la salute. Va consumato crudo, ricco di vitamina C e di clorofilla. Alla passata di pomodoro fatta in casa aggiungiamo  un piatto di zucchine cotte , ricche di flavonoidi, minerali e  fibra alimentare. Importante l’apporto di acqua . Almeno un litro di acqua con alto residuo fisso secco sopra a 500 mg, ricca in minerali.

Questo modello alimentare dona il giusto apporto drenante e , agendo con i suoi modulatori genici sul DNA delle cellule, in particolare sugli adipociti e sui neuroni dell’ipotalamo, ha il potere di detossificare e contestualmente bruciare grassi. Anche l’intestino ne trae benefici garantendo un “riposo intestinale” con un rinnovamento della parete intestinale. Durante il digiuno intermittente si ha una variazione del profilo ormonale con netta riduzione della insulina (ormone dell’accumulo di grasso e della sensazione di fame continua). Questa diminuzione di  insulina permette l’attivazione dell’ormone del digiuno: il glucagone, che libera la riserva di glucosio custodito negli epatociti, agendo cosi da effetto dimagrante  “scaricando” il fegato dell’eccesso dei carboidrati per garantire adeguato e continuo rifornimento di glucosio al cervello, senza cadere in chetosi e soffrire di effetti dismetabolici!