CONDIVIDI
Mario Gifuni

L’ex presidente dell’assise ed ex consigliere comunale Mario Gifuni, in qualità di presidente del movimento Sant’Anastasia in Volo, ha formulato una proposta indirizzata al viceprefetto Stefania Rodà, commissario prefettizio del Comune di Sant’Anastasia. La proposta riguarda l’emergenza Coronavirus e chiede agevolazioni per quegli esercizi commerciali che in questi mesi hanno dovuto, per effetto dei decreti della presidenza del consiglio dei ministri, chiudere i battenti.

«Gli esercizi commerciali allo stato non operativi o ridotti nell’efficienza programmata della gestione, nonostante i mancati introiti – spiega Gifuni – sono costretti a pagare il fitto, le utenze e la Tari. Ma in quanto utenze non domestiche, non hanno prodotto rifiuti né per la frazione secca, né per quella organica, dunque c’è stato anche un risparmio dei costi di smaltimento che sono a carico dell’Ente, per cui si renderebbe necessario provvedere alla riduzione del periodo di pagamento della tariffa Tari, calcolando il servizio per 8/12 e per operare la riduzione si può procedere calcolando la differenza dei costi tra il primo quadrimestre 2019 e il primo quadrimestre 2020».

 

Oltre alla riduzione, Sant’Anastasia in Volo chiede di posticipare il pagamento della quota ridotta, senza sanzioni o oneri aggiuntivi, una agevolazione che potrebbe essere applicata anche alle famiglie. «Anche per le utenze domestiche – continua Gifuni – abbiamo chiesto sia posticipato il versamento delle rate Tari senza sanzioni o oneri, siamo in attesa di riscontro da parte del commissario che auspichiamo voglia agevolare commercianti e famiglie anastasiane in questo difficile momento».