CONDIVIDI

Riceviamo e pubblichiamo dal Circolo “Che Guevara” Prc Marigliano.

Alle prossime elezioni amministrative di Marigliano il Circolo “Che Guevara” del Partito della Rifondazione Comunista vota per la lista Oxigeno con Saverio Lo Sapio sindaco.

A Marigliano si sono formati due schieramenti elettorali in cui i vari candidati si sono presentati come gli “amici” o i “nemici” dell’ex sindaco di Marigliano Antonio Carpino. La vicenda dell’arresto di Carpino, avvenuto il 21 luglio, ha messo in crisi gli equilibri politici e di tenuta democratica del nostro Comune. A proposito ricordiamo che in occasione della campagna elettorale del 2015 abbiamo sostenuto la coalizione di Carpino con la lista Sinistra per Marigliano-Rifondazione Comunista, inserendo nel programma politico dell’alleanza elettorale la lotta contro la privatizzazione dell’acqua che doveva contrastare la gestione GORI, la tutela della giustizia sociale in nome delle fasce sociali più svantaggiate e dei lavoratori, la battaglia contro la corruzione e la camorra. Pur essendo l’unico partito, oltre al Partito Democratico, presente nella coalizione composta in prevalenza da liste civiche legate ai vari campioni di preferenze del territorio, dopo le elezioni siamo stati estromessi da ogni tipo di partecipazione politica all’amministrazione mariglianese. Non vi è stata cioè la possibilità di attuare, con un nostro ruolo politico, i punti programmatici che ci stavano a cuore e che abbiamo contribuito ad indicare come priorità al fine di ottenere lo sperato cambiamento divenuto lo slogan della precedente campagna elettorale. Per questa ragione, consideriamo negativo il bilancio dell’esperienza con la vecchia amministrazione Carpino e con il Partito Democratico locale.

Per le prossime elezioni non ci siamo schierati né con gli “amici” né con i “nemici” di Carpino in quanto entrambe le proposte comprendono una serie di contraddizioni politiche e programmatiche (oltre che personali) che non rispecchiano i nostri ideali. I cosiddetti “amici di Carpino”, capeggiati dal candidato sindaco democristiano Vincenzo Esposito, hanno ripescato alcuni politici della vecchia amministrazione alleandosi con alcuni candidati ispirati da un’ideologia neofascista sponsorizzati da Fratelli d’Italia e Casapound.

I sedicenti “nemici di Carpino” invece, capeggiati dal democristiano Giuseppe Jossa, hanno ripescato altri politici della vecchia amministrazione alleandosi con alcune liste ispirate da idee berlusconiane e sponsorizzate da Forza Italia, con l’aggiunta di altri candidati ispirati dall’ideologia neofascista provenienti da Fratelli d’Italia.

Tra queste due ammucchiate selvagge, tra queste due ammescafrancesche, in cui non si capisce chi è amico o il nemico di chi o di che cosa, fa eccezione la lista Oxigeno, che propone candidati che appartengono al mondo della sinistra ambientalista e presenta un programma elettorale per la salvaguarda dell’ambiente e dei beni comuni, per la realizzazione di un piano di edilizia popolare, per la difesa dei diritti dei lavoratori e disoccupati, per una gestione trasparente e la verifica delle assunzioni effettuate nelle aziende che si occupano dei servizi comunali, contro le privatizzazioni dei servizi essenziali, contro la gestione idrica privatizzata della Gori spa, per un’amministrazione libera dai condizionamenti della camorra, rispettosa dei principi costituzionali di eguaglianza ed equità, supportata da un’impostazione culturale antifascista, contraria alle discriminazioni di classe e di ogni altra diversità etnica, religiosa o sessuale.

Il Prc sostiene il candidato sindaco Saverio Lo Sapio, un candidato di tradizione politica socialista e ambientalista, apportando alla lista Oxigeno il contributo di due candidati: Paolo Esposito Mocerino, segretario del Partito della Rifondazione Comunista di Marigliano e Concetta Mazza, figlia del compagno Giuseppe Mazza, il nostro candidato sindaco nel 2005.

Ci giungono le voci di alcuni candidati che si definiscono “comunisti”, i quali oggi hanno contribuito a sostenere i candidati sindaci democristiani, appoggiati da liste ed esponenti appartenenti a partiti neofascisti, di destra o berlusconiani. Speriamo che gli elettori si rendano conto di quanta ipocrisia e falsità ideologica si sia presentata a Marigliano e riteniamo che l’unico vero voto comunista possa essere dato solamente alla lista Oxigeno.