Home Generali L’importanza di digitalizzare le aziende (e un esempio concreto)

L’importanza di digitalizzare le aziende (e un esempio concreto)

342
CONDIVIDI

Oggi la digitalizzazione occupa un ruolo cruciale per moltissimi aspetti della società moderna. Si parte da quelli riguardanti la nostra quotidianità, fino ad arrivare all’e-government e alle aziende. Proprio le imprese necessitano di abbracciare quanto prima la digitalizzazione, per andare incontro all’Industria 4.0: un mondo che consente di ottenere moltissimi vantaggi, sia in termini logistici che economici.

L’importanza del digitale, dell’IoT e di altri sistemi è tale da poter cambiare in positivo il volto di qualsiasi azienda. Di conseguenza, chi non indirizza le proprie strategie puntando al digitale, rischia di venir estromesso dal proprio mercato di riferimento, facendosi superare dai competitor meglio attrezzati. Ecco spiegato perché oggi vedremo quanto è importante il digital e quali sono gli strumenti più efficaci, insieme ad un esempio concreto di corretta gestione digital dell’impresa.

Stop ai problemi gestionali con il digitale

È stata Agenda Digitale a sottolineare molti dei vantaggi appartenenti alle logiche dell’Industria 4.0. A partire dalla possibilità di risolvere svariati problemi gestionali, che possono diventare un peso molto costoso per le aziende. Si parla ad esempio della gestione dei magazzini, che può essere automatizzata grazie alle soluzioni 4.0, come nel caso dei macchinari controllati dai software di riferimento. Persino il ciclo produttivo può essere ottimizzato, eliminando gli step inutili e riducendo al contempo i costi.

In realtà la rivoluzione digitale può coinvolgere le aziende su molti livelli diversi: dall’archiviazione dei dati fino alla comunicazione interna, passando per la gestione e la semplificazione dei processi. Alcuni esempi da citare sono i chat bot, che dialogano con i visitatori del sito o della pagina social aziendale senza il supporto di un operatore del customer care service. E si arriva a livelli di “intelligenza” elevatissimi, se uno strumento del genere viene programmato da un vero esperto del settore. Altri elementi da citare sono le tecnologie in cloud e la fattura elettronica, uno strumento salvifico per il B2B.

Case history: l’esempio concreto di Acea

In Italia siamo ancora molto indietro nel percorso della digitalizzazione delle aziende, ma ciò non toglie che è possibile trovare degli esempi davvero virtuosi, nel campo della digital transformation. Fra questi è giusto citare Acea, un’impresa che sta bruciando le tappe, volando verso l’Industria 4.0 ad un ritmo elevatissimo. Ne dà una prova il recente protocollo d’intesa firmato con Google Cloud, che servirà proprio per accelerare la trasformazione digitale dell’azienda. In che modo avverrà questo processo? Attraverso un programma di formazione che coinvolgerà tutti gli attori dell’azienda. La suddetta formazione avrà come oggetto alcuni must dell’Industria 4.0, come nel caso di temi quali il machine learning e lo stesso cloud. Il programma di training, noto con l’acronimo ASL (Advanced Solutions Lab), consentirà ad Acea di sviluppare le proprie competenze tecnologiche e digitali, così da fornire ai propri clienti un servizio più efficiente e in linea coi tempi moderni. Lo certificano le parole dell’amministratore delegato Stefano Donnarumma, che inquadra questa collaborazione all’interno di un piano più vasto, che si baserà su circa 500 milioni di euro di investimenti nell’innovazione.

Acea si pone quindi come esempio di una virtuosa gestione del lato digital dell’azienda. Un aspetto fondamentale, al giorno d’oggi, al quale tutte le imprese dovrebbero dedicare la giusta attenzione.