Le associazioni YaBasta! e Nova Koinè insieme per lo sportello per i diritti dei migranti

0
283

Una bella iniziativa sinergica a metà strada tra Marigliano e Scisciano, dove al momento è attivo lo sportello per i diritti dei migranti. Tuttavia, date le difficoltà logistiche innescate dall’emergenza COVID-19, le associazioni YaBasta! Restiamo Umani e Nova Koinè hanno attivato anche un servizio telefonico al quale gli immigrati che ne hanno bisogno possono rivolgersi per districarsi in questa fase delicata.

“SOS telefono per migranti”, questo il nome dell’iniziativa telematica promossa dai volontari: una helpline per chiedere informazioni sull’emergenza Coronavirus in Italia,  attiva tutti i giorni dalle 10 alle 22 al numero 3791724040. Lo sportello offre assistenza gratuita alle attività di supporto legale, sanitario e psicologico e l’annuncio del nuovo servizio è disponibile in diversi idiomi: dal francese all’arabo, dall’inglese al polacco, dal romeno all’ucraino. I migranti possono contattare il numero di telefono per informazioni sul COVID-19 e su come siano organizzati i vari uffici a cui si rivolgono ogni giorno centinaia di persone di origine straniera in questo periodo di emergenza.

“Abbiamo deciso che il servizio sarà attivo anche dopo questo periodo di urgenza e siamo riusciti a organizzarci in tal senso – afferma il presidente dell’associazione Nova Koinè, Francesco Evangelista – perché riteniamo sia fondamentale in questo momento semplificare l’accesso allo sportello inteso come luogo fisico, comunque operativo a Scisciano ma difficilmente raggiungibile a causa delle restrizioni. Rispondo personalmente al telefono e provvedo a raccogliere le richieste che pervengono, per poi inoltrarle ai vari professionisti che dialogano e collaborano con noi: due avvocati per le pratiche legali, due persone in contatto con i distretti sanitari, di cui una farmacista, e infine una psicologa grazie alla quale possiamo attivare una rete di assistenza per i casi che fanno registrare una particolare fragilità emotiva. Riteniamo che questo servizio offerto abbia un’elevata utilità in quanto è rivolto a tutti gli immigrati che hanno qualche difficoltà a gestire le situazioni più disparate: dalle informazioni su igiene e distanziamento sociale a quelle sul permesso di soggiorno, la cui scadenza per fortuna è stata prolungata fino a 15 giugno (per quelli in scadenza entro il 31 marzo, ndr).

Andrà davvero tutto bene se riusciremo a tutelare e proteggere tutte e tutti senza lasciare indietro nessuno: questo il monito e nel contempo l’auspicio dei volontari impegnati a gestire lo sportello, da oggi anche al telefono.