Focolaio Covid a Somma, scuola chiusa per una settimana: 9 positivi

0
899

 

Somma Vesuviana – Torna l’incubo Covid a scuola, plesso Summa Villa chiude per una settimana.

Riceviamo e pubblichiamo

Salvatore Di Sarno (sindaco Somma Vesuviana, nel napoletano in Campania): “Prestiamo attenzione! Al plesso scolastico della Summa Villa ben 9 positivi, di cui 7 sono studenti. Chiedo a tutti i concittadini un grande senso di responsabilità: mascherina in tutti i locali, green pass, igienizzazione delle mani, evitare assembramenti e feste. Il plesso è stato chiuso e i ragazzi fino al 3 Novembre saranno in DAD. Se abbiamo sintomi sospetti rivolgiamoci ai medici ed evitiamo di frequentare luoghi pubblici e persone senza rispettare le norme di sicurezza sanitaria”.

 

“Ben 9 casi covid al plesso scolastico delle scuole Medie situato sul prolungamento di Via Aldo Moro, si tratta del plesso “Summa Villa” appartenente alla platea scolastica delle medie “San Giovanni Bosco – Summa Villa”. Di questi 9 ben 7 sono studenti e due insegnanti. Il plesso è stato chiuso e rimarrà chiuso fino al 3 Novembre. Le classi continueranno l’attività con Didattica a Distanza. Chiedo a tutti i cittadini un senso di responsabilità profonda e dunque di indossare tassativamente la mascherina quando si parla con altre persone, mantenere il distanziamento, evitare feste, assembramenti e soprattutto evitare di entrare in ambienti chiusi senza indossare la mascherina e igienizzare le mani. Ricordo che è importante vaccinarsi ma non basta. Anche tutti coloro i quali hanno fatto due dosi di vaccino devono continuare a rispettare tutte le norme di sicurezza sanitaria.  

Spesso la trasmissione del virus avviene in ambiente extrascolastico e dunque invitiamo tutti i ragazzi e gli adulti a rispettare le norme negli ambienti di lavoro, nei locali ed anche fuori in particolare quando vediamo assembramenti. Ricordo che in tutti i locali è obbligatoria la mascherina ed è obbligatorio il green pass. Il Green Pass è utile anche per evitare che positivi possano eventualmente entrare in ambienti chiusi”. Lo ha dichiarato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano.