fbpx
giovedì, Dicembre 2, 2021

Scomparso da un centro di accoglienza un uomo originario di Portici

Vincenzo Montella, 44 anni, dopo essere stato accolto presso un centro di accoglienza in provincia di Caserta, ha fatto perdere tracce di sè. Scatta l’allarme di familiari ed amici per ritrovarlo.

L’indifferenza delle istituzioni e della maggior parte dei cittadini contribuisce in maniera decisiva ad isolare dal contesto della società quelle persone disagiate che, arrancando, vivono alla giornata.

Accade, però, che qualcuno si accorge di loro ed allora si attiva per cercare di alleviare le sofferenze. É il caso di Vincenzo Montella, 44enne di Portici, una vita di stenti segnata dall’alcol e da diversi lavoretti per tirare a campare, il quale è stato molto aiutato da un concittadino che ci ha raccontato la sua triste storia: “Vincenzo tempo fa viveva in una cantina umidissima e piena di topi. In un secondo momento, con le giuste conoscenze, sono riuscito a fargli avere una stanzetta dove poter vivere un po’ meglio”. Da più di 15 giorni, però, di Vincenzo non si ha più traccia.

“Lo scorso 27 luglio Vincenzo, con il suo consenso, è stato portato in un centro di accoglienza a Grazzanise (in provincia di Caserta), accompagnato da due donne. Il 29 luglio è scomparso ed il primo di agosto abbiamo denunciato l’accaduto ai carabinieri di Portici – continua a raccontare l’amico dell’uomo scomparso – La cosa strana è che i familiari di Vincenzo una volta contattato il centro di accoglienza, hanno avuto versioni contrastanti sulla presenza dell’uomo presso di loro”.

Che si tratti di un allontanamento volontario o di un incidente che gli sia potuto accadere, di sicuro la scomparsa di Vincenzo Montella è avvolta da un alone di mistero. I familiari e gli amici si sono attivati per ritrovarlo tramite volantinaggio a tappeto, contattando giornalisti locali e la redazione della trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”.
(Fonte foto: Rete Internet)

Rita Terracciano
Giornalista pubblicista
Ultime notizie
Notizie correate