Home Comunicati Stampa 100 giovani sfidano la camorra a San Giovanni a Teduccio

100 giovani sfidano la camorra a San Giovanni a Teduccio

97
0
CONDIVIDI

Pasquale è dei Camaldoli. Jessica di Scampia. Emanuele della Sanità. Sono 100 i giovani organizzatori di “Stritt street contro la camorra”, arrivano da tutti i quartieri della città, ma hanno una direzione unica: inaugurare il più grande evento anti-camorra di Napoli a San Giovanni a Teduccio. Fatima è una psicologa. Gianluca un euro-progettista. Paola una imprenditrice. Non c’è nulla che li accomuni, se non la causa: sfidare apertamente la camorra in un quartiere simbolo con un evento che non possa passare inosservato.

Per farlo hanno scelto una location insolita e suggestiva, un ex-fabbrica abbandonata, e hanno deciso di trasformarla per una sera in un simbolo di rinascita.

“La nostra idea è che la camorra si vinca restituendo opportunità, cultura e bellezza soprattutto nelle zone della città più dimenticate” dichiara Davide D’Errico, co-organizzatore e presidente di Opportunity Onlus, “Oggi San Giovanni a Teduccio rappresenta​ la periferia napoletana più ignorata da Istituzioni e politica, a cui tutti gli ultimi episodi di camorra sono stati direttamente o indirettamente collegati. Riunire qui le nostre associazioni contro la camorra è stata una sfida difficile, ma l’unica che avesse senso.”

Sono centinaia le associazioni, gli artisti e le imprese che hanno aderito.
Testimone delle migliaia di adesioni, è il video lanciato da Opportunity “una grande comunità contro la camorra”, che ha superato le 100.000 visualizzazioni e condivisioni, in meno di tre giorni.
La serata evento, sarà arricchita dalla presenza di artisti come Tommaso Primo, che canterà live durante l’evento.​ Influencer napoletani come Andrea Rossi di Alici come Prima, Valeria Angione, Danilo Pergamo, Maura Iandoli o Diego Iutubber. Decibel Bellini, che per tutti è la voce dello stadio San Paolo e che per una serata sarà anche la voce dell’anti-camorra napoletana. Imprenditori come Paola Torrente, Marco Infante, Nausica Ronca o Salvatore di Matteo, che doneranno pizze fritte, pasta e patate con la provola, sfogliatelle, taralli e decine di altre specialità napoletane.
Ma soprattutto tanti, tantissimi giovani che hanno sposato la causa e hanno deciso di far parte di questa grande comunità contro la camorra.
Giovani, non eroi. 10,100,1000 ragazzi semplici, ognuno con le proprie difficoltà personali, pronti a sfidare e a curare il cancro della nostra società, proprio lì,dove di quel cancro, si muore.
Il 21 Giugno, alle ore 20, a San Giovanni a Teduccio, Via Ferrante Imparato 111, ci sarà una sfida tra la società e la camorra.
Il costo del ticket è di 15 €.
L’intero ricavato dell’evento, andrà a finanziare i progetti delle seguenti onlus contro la camorra:
– Opportunity​
– Figli in famiglia
– Giovani per la pace​-comunità di sant’egidio.

“Dieci colpi di pistola, fanno un gran rumore, ma 10.000 ragazzi che marciano verso un’unica direzione, ne fanno molto di più.”dichiara Maria Prisco, membro di Opportunity onlus.​
Ed è questo lo spirito della serata. Essere uniti, stare ” strit street” contro la camorra e vincere.