CONDIVIDI

Continuano i controlli finalizzati a prevenire il diffondersi
dell’epidemia Covid-2019 nel territorio del Comune di Volla. In particolare le disposizioni impartite dal Locale Comando della Polizia Municipale sono quelle di impedire assembramenti, controllare che tutti portino la mascherina e che i locali commerciali rispettino le disposizioni nazionali ed in particolari quelle regionali nell’apertura delle loro attività.

Non solo ma gli uomini del locale Comando della Polizia Locale in particolare gli addetti alla sezione antiabusivismo edilizio, su espressa disposizione del Comandante Ten. Col. Formisano dott. Giuseppe, hanno provveduto ad effettuare controlli di antiabusivismo edilizio sul territorio comunale ora che le attività edilizie sono riprese dopo che erano state sospese per effetto dei DPCM per contenimento del contagio da Covid-2019.

Tali controlli hanno portato alla denuncia per la realizzazione di opere abusive realizzate in alloggio comunale di proprietà dell’ente, al controllo di alcuni cantieri in:

  • via de Carolis (abbattimento e ricostruzione di edificio
    residenziale, realizzazione di capannone industriale);
  • via Tamburiello (Casa colonica ed altri edifici);
  • via Palazziello (villette singole);
  • via Filichito e viale Michelangelo (fabbricati).

Al momento dei sopralluoghi questi cantieri controllati erano muniti di titoli per questo il Ten. Col. Formisano dott. Giuseppe ha sollecitato l’UTC a dare la disponibilità di un tecnico
comunale per urgenti controlli congiunti al fine di verificare la conformità delle opere realizzate al momento con il titolo rilasciato.

Per l’abuso di rilevanza penale, consistente nella realizzazione di opere abusive realizzate in alloggio comunale di proprietà dell’ente, è stata notiziata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola nonché il Dirigente dell’Ufficio tecnico dell’Ente per l’avvio delle procedure sanzionatorie consistenti nell’emissione dell’ordinanza di abbattimento e di ripristino dello stato dei luoghi.

Il Locale Comando della Polizia Municipale resta ora in attesa, da parte delle autorità amministrative, di tale ordinanza per le relative verifiche finalizzate al controllo della ottemperanza o eventuale inottemperanza. In quest’ultimo caso scatterebbe una
nuova informativa di reato a carico dell’inadempiente e l’attivazione delle procedure coattive previste per legge.