Udinese – Napoli, concretismo (la quinta dell’alieno Gennaro)

0
7

Sono Gennaro, il vostro amico alieno tifoso del Napoli, catapultato qui da un altro pianeta. Imparare una lingua non è facile, io l’ho fatto abbastanza bene. Gli azzurri sono stati concreti, esiste la parola “concretismo”? Non so perché, ma ogni tanto conio nuove parole. Mia moglie mi ha detto che non significava proprio quello che volevo intendere, ho scoperto che il concretismo è un movimento artistico del 900.

 

 

 

Ieri si affrontavano due squadre in palla. Che Napoli concreto, 70 minuti di decisione, concentrazione e naturalezza. Smarcamenti, passaggi lunghi, la ricerca di Osimhen, in gran spolvero. Insigne scappa su lancio di Mario Rui, pallonetto, e gol sulla linea di Osimhen. Concretismo. Ma il Napoli non è solo ricerca della profondità, è anche acume tattico, acume su schemi tattici. Punizione, passaggio basso, largo per Koulibaly, in mezzo per la testa di Rrahmani. Concretismo. Ma non è ancora finita. Cross a scavalcare tutta l’area, appoggio di Fabian, e tiro al volo di Koulibaly, il saluto militare, il comandante non difende soltanto, ha segnato. Concretismo. E’ solo Napoli. Mi sono chiesto cosa avremmo potuto dire o pretendere dopo questo primo tempo. E’ sempre Napoli, e chiude i giochi con il tiro a la Del Piero di Lozano. Concretismo. Farei fatica a dare voti anonimi, tutti bravi, tutti pronti. Anche Fabian, in passato assalito da bradipismo, è attento, vede il corto e vede il lungo. Bravi i centrali di difesa, esterni attenti, centrocampo dinamico, e punte con le bocche di fuoco caricate.

Il Napoli è primo in classifica, in solitaria. Gli azzurri sono stati concreti. Fino a questo momento la cura Spalletti ha funzionato, tutto gira, c’è fiducia, gli uomini vengono incoraggiati e resi partecipi del progetto, tutti. Ieri è entrato in campo anche il giovane Zanoli. Il presente è felice, ma non adagiamoci sugli allori, ci sarà ancora tanto da scrivere, e gli azzurri dovranno dar prova di se stessi anche nei momenti difficili che arriveranno. A proposito, il concretismo è un movimento artistico, detto anche arte concreta, che si è contrapposto all’arte astratta che si era sviluppata nel 1900 (come il cubismo). Lo sto studiano. Nacque nell’ambito dell’astrattismo, e “considera il prodotto artistico come una realtà autonoma determinata da rapporti matematici e leggi ottiche” (fonte Garzanti Linguistica). Queste sono anche le leggi del Napoli di questa prima parte di campionato.