CONDIVIDI

“Le perdite in termini di occupazione nel settore del turismo in Campania sono devastanti: oggi è la volta dei lavoratori del porto di Napoli, messi in ginocchio dalla carenza di liquidità e dalla cancellazione di prenotazioni, ma tutti i settori legati al turismo regionale sono in ginocchio. Il rischio, oltre a quello legato alla perdita di occupazione, è di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata che potrebbe prendere il sopravvento per assicurarsi il controllo del territorio”.

È quanto spiega Severino Nappi, presidente del Movimento civico Il Nostro Posto, lanciando, attraverso un video sui Social Network, l’hashtag #iorestoincampania.

“È necessario che Stato e Regione intervengano immediatamente per sostenerequesto settore”, continua Nappi, che propone “la sospensione per la stagione estiva delle tasse e dei contributi per i lavoratori della filiera dell’accoglienza, nessuna concessione demaniale per gli stabilimenti balneari per i prossimi tre anni e l’eliminazione immediata dell’Iva su tutti i prodotti ‘Made in Campania’. Ma anche per i cittadini, che dovrebbero scegliere di ‘restare in Campania’, è importante introdurre dei vantaggi ad hoc come bonus vacanze e sconti su traghetti e aliscafi. I campani hanno bisogno di ritrovare il piacere e la serenità di viaggiare favorendo anche le imprese locali”, conclude.