Truffe agli anziani, allarme a ridosso delle feste: ecco da chi diffidare

0
304

In tutta la città metropolitana di Napoli non si fa altro che parlare di furti. Sono tante, forse troppe, le denunce presentate soprattutto nella zona vesuviana, ricordiamo gli innumerevoli casi a Somma Vesuviana e Sant’Anastasia, che hanno tanto spaventato i cittadini.

Non solo auto, altri veicoli e pezzi di ricambio che vengono prontamente venduti a privati o professionisti del settore, nelle ultime settimane sono aumentate di circa il 10% anche le truffe agli anziani.

Si tratta di furti classici, come il finto postino, il venditore porta a porta, l’amico del nipote che si è messo nei guai oppure il classico incidente stradale. Si tratta ovviamente un sinistro assolutamente finto per cui il truffatore fa in modo di far credere all’anziano di avergli creato un danno al mezzo di trasporto o, in casi particolarmente eccentrici, fingendo di essere stato investito. In questo modo riescono ad estorcere denaro in contante per evitare un qualsiasi tipo di denuncia, mostrando benevolenza e finta umanità, mentre in realtà si tratta di criminali che fregano la povera gente.

Nell’esatto momento in cui ci si rende conto di essere stati truffati, bisogna prontamente segnalare la vicenda alle forze dell’ordine procedendo con una denuncia e col racconto dettagliato dell’episodio e del truffatore per permettere alla giustizia di fare il proprio corso ed evitare ad altre persone di vivere un’ esperienza simile.