Trasporti, la rete aeroportuale campana sarà presto realtà

0
170

Riprendono i lavori per l’ampliamento dell’aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi. La pronuncia del Consiglio di Stato respinge integralmente e definitivamente il ricorso presentato da alcuni cittadini in merito alla compatibilità ambientale del Master Plan del secondo aeroporto della Campania integrato con quello di Capodichino. Nove mesi di stop, ma ora si accelera per i necessari interventi per l’adeguamento e potenziamento dell’infrastruttura aeroportuale: un’opera che sarà un decisivo volano di sviluppo per il territorio e per l’intera regione.

Il commento del Consigliere Luca Cascone, rieletto ieri presidente della Quarta Commissione (Urbanistica, Lavori Pubblici, Trasporti) della Regione Campania, sulla sentenza del Consiglio di Stato in merito all’Aeroporto di Salerno.

È stata finalmente resa pubblica la tanto attesa pronuncia del Consiglio di Stato che respinge integralmente e definitivamente il ricorso presentato da alcuni cittadini in merito alla compatibilità ambientale del Master Plan dell’Aeroporto di Salerno “Costa d’Amalfi”. Accanto alla soddisfazione per la sentenza, di cui peraltro eravamo fiduciosi vista la completezza e l’esaustività del progetto sotto il profilo ambientale, resta purtroppo l’amarezza di aver perso ben 9 mesi per i necessari interventi per l’adeguamento ed il potenziamento dell’infrastruttura aeroportuale: un’opera volano di sviluppo  per l’intero territorio e resa per qualche tempo ostaggio dei singoli interessi di un pugno di ricorrenti. L’auspicio è che ora si possa volare spediti dritti verso la meta e completare nel più breve tempo possibile tutti gli interventi utili a far funzionare con tutta la sua potenzialità il nostro aeroporto. La rete aeroportuale campana sta per concretizzarsi.

“Finalmente possono ripartire gli interventi – ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca – che doteranno la Campania di un’opera infrastrutturale che sarà una svolta perla Campania, grazie alla creazione di una rete aeroportuale moderna e rispondente alle esigenze turistiche e commerciali dei nostri territori”.

Sempre in tema di trasporti, come annunciato nei giorni scorsi, oggi è partita la consegna dei primi 10.000 kit sierologici per avviare lo screening di massa per i lavoratori delle aziende dei trasporti. La consegna continuerà in questi giorni con le altre aziende del Trasporto pubblico locale, il cabotaggio marittimo, e i circa 4.000 taxi regionali cui saranno fornite anche le mascherine.