Home Territorio Somma Vesuviana piange la scomparsa di Monsignor Alfonso Pisciotta

Somma Vesuviana piange la scomparsa di Monsignor Alfonso Pisciotta

2867
CONDIVIDI

La salma arriverà domani alle ore 11:00 nella Chiesa San Giorgio Martire e alle ore 16:00 ci sarà la solenne messa presieduta dal Vescovo di Nola Mons. Francesco Marino.” La Chiesa se vuole essere credibile – affermava il nostro parroco – deve camminare insieme, avendo come punti fermi del suo apostolato la famiglia, i giovani e i poveri”.

Don Alfonso Pisciotta era nato il 28 gennaio del 1955 a Lausdomini, una frazione situata nella città di Marigliano. Ordinato parroco il 9 febbraio del 1979, era stato parroco a Cicciano nel 1984 nella Chiesa di San Pietro e a Quindici (Avellino) nella Parrocchia di S. Maria delle Grazie, prima di approdare definitivamente, il 5 gennaio 2017, nella Chiesa di San Giorgio Martire a Somma Vesuviana, subentrando a Mons. Giuseppe Giuliano, nominato Vescovo di Lucera – Troia. Toccò a Don Alfonso, il 14 dicembre 2015, in qualità di Vicario decanale, aprire la Porta Santa del Santuario della Madonna del Carpinello a Visciano, scelto dalla Diocesi di Nola fra le cinque chiese giubilari. Nominato Monsignore con il titolo di Cappellano di Sua Santità, Don Alfonso è stato Rettore del Seminario Vescovile di Nola e docente di Teologia pastorale presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Nola. Quanti giovani accolse in seminario, accompagnandoli con sapienza e attenzione, tra questi il giovane parroco Don Raffaele Rianna nel 1996, che lo ricorda commosso. Nel 2018 Don Alfonso fu scelto dal Vescovo di Nola, Mons. Francesco Marino, come nuovo Vicario episcopale per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti. La Chiesa se vuole essere credibile – affermava il nostro parroco – deve camminare insieme, avendo come punti fermi del suo apostolato la famiglia, i giovani e i poveri. Sono queste le parole su cui si è mossa l’intera attività apostolica del caro parroco e che hanno sempre acceso in noi fedeli il desiderio di “umanità”. Addio, Don Alfonso.