Somma Vesuviana, l’opera d’arte di Giovanna Marsilio selezionata per il “Tributo Amedeo Modigliani”

0
5

Secondo i dati dell’Istat, ogni anno tantissimi italiani si trasferiscono all’estero. Molti sono laureati o diplomati in cerca di lavoro, altri si trasferiscono per amore, mentre altri ancora sono artisti emergenti, giovani musicisti, scrittori, cantautori, pittori e chi più ne ha, più ne metta, che purtroppo non sentono di essere valorizzati dal nostro paese.

Ci sono, però, tanti altri giovani che scelgono di restare, in alcuni casi rischiando, e di promuovere la propria arte nel paese in cui sono cresciuti, quello che di arte ne è pieno. Una di questi, è Giovanna Marsilio, giovane donna originaria di Somma Vesuviana che lavora come graphic designer. È da solo poco più di un anno che Giovanna si è avvicinata all’illustrazione digitale facendola diventare, in breve tempo, parte integrante del suo lavoro. Grazie al talento naturale che possiede, la ragazza sommese è stata selezionata tra tanti artisti per partecipare al “Tributo Amedeo Modigliani”, per il centenario dalla scomparsa di Modigliani, pittore e scultore italiano conosciuto in tutto il mondo, organizzato proprio dall’omonima Fondazione. Una conferenza internazionale a cui parteciperanno ospiti da tutto il mondo: Milano, Roma, Madrid, Valencia, Parigi, Los Angeles, New York e Miami. Tanti gli artisti che grazie alla fondazione hanno potuto partecipare al concorso, riuscendo con la propria arte a donare qualcosa di sé a tutti coloro che la osservano.
Appassionata fin da piccola di arte nelle sue più svariate espressioni, Giovanna, che si ritiene fondamentalmente un’essenzialista, ha deciso di creare qualcosa di suo e di trasmetterlo in maniera forte e senza filtri. Nelle sue opere, infatti, vi è costantemente l’assenza degli occhi, e, dunque, dello sguardo, un tratto sicuramente riconoscibile che le permette di non confondersi con altri artisti ma soprattutto di diffondere un messaggio sociale molto importante: “Viviamo in un mondo che degenera sempre di più, dal razzismo, all’omofobia ad atti che non ci rendono propriamente degni di appartenere a quella che dovrebbe essere la specie che sulle altre ha subito un’evoluzione. Ho deciso di privare i miei soggetti dello sguardo affinché non vedano ciò che siamo diventati ma restino nello splendore dell’arte.

Opera d’arte presentata da Giovanna per il “Tributo” raffigurante proprio Modigliani

Giovanna è una dei tanti artisti che diffondono la propria arte nel mondo, mostrando e dando rilievo alla terra che li ha cresciuti, che li ha formati, riuscendo a portare un piccolo pezzo di questa infinita terra in ogni parte del mondo. Questa è l’arte, che arriva laddove le mani non riescono, persino dall’altra parte del mondo e che tocca ciò che solo l’arte può toccare: il cuore, l’anima