Somma Vesuviana, approvato il progetto per la scuola primaria a S. M.del Pozzo

0
2

Riceviamo e pubbluchiamo dal Comune di Somma Vesuviana

Dopo il progetto per la realizzazione dell’Asilo Nido, arriva un’altra importante notizia:

Salvatore Di Sarno (sindaco Somma Vesuviana): “Il Ministero dell’Istruzione ha approvato il progetto anche per la realizzazione della nuova Scuola Elementare in località Santa Maria del Pozzo”.

E intanto si continua nell’opera di recupero delle strade!

“A distanza di pochi giorni dalla notizia dell’approvazione, da parte del Ministero della Pubblica Istruzione del progetto, per la realizzazione dell’asilo nido in Via Giulio Cesare, arriva un’altra importante notizia: il Ministero della Pubblica Istruzione ha approvato anche il progetto, da ben 5 MLN di euro, per la realizzazione della nuova Scuola Elementare in località Santa Maria del Pozzo. Si tratta di un progetto che nel campo dell’edilizia scolastica è risultato tra i migliori. Daremo a Somma Vesuviana anche una nuova Scuola Elementare e la dedicheremo a Mario Cerciello Rega. Volevo ringraziare l’Assessore all’Edilizia Scolastica, Salvatore Esposito per il lavoro eccellente che sta mettendo in campo affinché questo paese possa avere nuove strutture scolastiche”. Lo ha annunciato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano.

Nei giorni scorsi era arrivata la notizia relativa al progetto dell’asilo nido.

“Ben 2.632.000 euro per la realizzazione dell’Asilo Nido in Via Giulio Cesare. Il Ministero dell’Istruzione ha approvato anche questo progetto. Dunque le scuole, a Somma Vesuviana, hanno priorità assoluta. Dobbiamo dare ai nostri bambini – ha proseguito Di Sarno –  ai nostri ragazzi, ai nostri insegnanti, scuole belle”.

Non solo scuole ma a Somma Vesuviana si stanno anche asfaltando strade centrali e periferiche.

“Poche ore fa abbiamo finito di asfaltare tutto il piazzale antistante il Cimitero ed anche Via Cimitero – ha concluso Salvatore Di Sarno – e sono circa una ventina le strade asfaltate in questi mesi. A breve continueremo in altre aree centrali e periferiche del paese”.