Home Comunicati Stampa Somma Vesuviana, annunciata l’undicesima vittima per Covid. Di Sarno: “La pandemia non...

Somma Vesuviana, annunciata l’undicesima vittima per Covid. Di Sarno: “La pandemia non ci lascia”

CONDIVIDI

Riceviamo dal Comune di Somma Vesuviana e pubblichiamo.

“Purtroppo dobbiamo aggiornare il numero di decessi che a Somma Vesuviana continua a crescere. Comunico l’undicesima morte per questa pandemia che sembra non lasciarci”. Lo ha affermato poco fa il sindaco Salvatore Di Sarno.

L’attività dell’Amministrazione prosegue, come quella solidale del sindaco.

“Ho partecipato con particolare emozione allo svolgimento dell’8° edizione del Premio Stracca, svoltasi con modalità a distanza.  Nel decimo anniversario della scomparsa di Roberto Stracca si è svolta online la cerimonia di premiazione del Premio intitolato al giornalista del Corriere della Sera, prematuramente scomparso anni fa. Durante l’evento abbiamo ricordato Mario Cerciello Rega, carabiniere, nostro concittadino, barbaramente ucciso a Roma. Io ringrazio davvero di cuore il Corriere della Sera, il vicedirettore Venanzio Postiglione ed anche la Lega Pro, il Presidente Nazionale Francesco Ghirelli. Sono felice di essere riuscito a trovare il tempo per partecipare al Premio nonostante queste notizie davvero tristi”.

“Roberto Stracca ci ha lasciato a soli 40 anni – ricorda Venanzio Postiglione, vicedirettore del Corriere della Sera e direttore giornalista della scuola Walter Tobagi -. Era una persona d’oro. Un giornalista brillante e preparato, con una grande passione. Grazie alla generosità della sua mamma, la signora Maria Pia, il Corriere della Sera e la Lega Pro organizzano ogni anno un premio per ricordarlo. Non un riconoscimento alle firme già note. Ma un concorso riservato ai giovani giornalisti della Tobagi. Una scommessa sul futuro, un momento di fiducia, con i migliori valori dello sport e del giornalismo. In via eccezionale quest’anno è stato un premio a distanza, in collegamento da remoto: ma il calore è quello di sempre”.

“Il Premio nasce un giorno di otto anni fa in un incontro con Daniele Dallera – spiega Francesco Ghirelli, Presidente Lega Pro- quando decidemmo di istituirlo perché così facendo ricordavamo un uomo di talento come Roberto Stracca, offrivamo un’opportunità ai giovani e legavamo la mission della Serie C, ovvero la formazione dei giovani. E poi, c’era la forza, la tenacia di mamma Maria Pia, il dolore terrificante per la morte del marito e del figlio avvenute in pochi mesi. Lei ci ha insegnato e ci insegna ad amare la vita anche nei suoi momenti di rappresentazione peggiore e in un tempo complesso come quello attuale”.

Il concorso, giunto alla sua ottava edizione, ha visto la partecipazione di 30 giovani giornalisti della Tobagi che si sono cimentati su temi inerenti lo sport e, nello specifico, il calcio della Lega Pro. I migliori elaborati sono stati quelli di due giornaliste, cui va una vittoria ex aequo. Le vincitrici dell’8° Premio Stracca sono Caterina Zita di Firenze con la traccia sulla delicata crescita del giovane atleta nelle varie discipline sportive, e Maria Vittoria Zaglio di Desenzano con la traccia sul calcio femminile: dal Mondiale alla crescita tecnica e di immagine.

Il Premio Lega Pro, riservato all’articolo che si è distinto su tematiche che riguardano il calcio di serie C, è andato a Federico Baccini di Verona che ha sviluppato la traccia incentrata sulla Giornata della Legalità, istituita dalla Lega Pro per ricordare il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, accoltellato a Roma nel luglio 2019.

La premiazione, presieduta da Venanzio Postiglione, vicedirettore del Corriere della Sera e direttore della scuola di giornalismo Tobagi e da Francesco Ghirelli presidente di Lega Pro, ha visto la partecipazione di Maria Pia Stracca, mamma di Roberto, di Daniele Dallera, caporedattore Sport del Corriere della Sera, di Paolo Baldini, giornalista del Corriere della Sera, di Claudio Lindner, Vicedirettore Scuola Tobagi, di Elisa Sgorbani, coordinatrice Scuola Tobagi, di Rosa Maria Esilio, moglie di Mario Cerciello Rega, di Salvatore Di Sarno, Sindaco del Comune di Somma Vesuviana e dei vincitori del Premio Stracca e Lega Pro”.