CONDIVIDI

Riceviamo e pubblichiamo dall’istituto Montessori

Ormai giunti agli sgoccioli di quest’anno scolastico, l’Istituto Montessori ha voluto dare un nuovo ed ulteriore segnale di ottimismo e avviare una nuova iniziativa collettiva, che fosse in grado di coinvolgere tutti gli studenti e tutte le famiglie che fanno parte di questa grande e ormai consolidata comunità.

È stato dunque concordato di concludere i lavori didattici in DAD e in presenza con un evento multimediale particolare e simbolico, che racchiudesse tutte le esperienze e i sentimenti raccolti durante questi mesi, resi purtroppo difficili dall’emergenza sanitaria causata dal Covid-19.

RAGGI FIORITIL’ evento,   intitolato “I COLORI DELLA VITA”, si terrà domenica 30 maggio dalle ore 8.00 sulla nostra pagina facebook.

Esalterà tutti gli aspetti e i valori che fanno parte della nostra esistenza. Si tratta di un progetto che vuole fare esprimere i bambini e i ragazzi della comunità montessoriana attraverso l’uso della metafora e della similitudine, così da potenziare ulteriormente la forza del messaggio che si vuole veicolare. E, come si intuisce dal titolo, il termine di paragone sarà il COLORE.

Gli alunni dell’Istituto quindi hanno potuto lavorare sui loro sentimenti, sulle loro storie e sul loro vissuto, cercando di accostare ad ogni sfaccettatura e ad ogni evento recente della loro vita un colore che lo rappresentasse. È stata data attenzione ad ogni colore: non solo quelli luminosi e “positivi”, veicoli di sentimenti e di ricordi entusiasmanti e felici, ma anche quelli più cupi e ritenuti “negativi”, in quanto anche le esperienze più dolorose e meno piacevoli fanno parte della vita, ma anzi, sono anch’esse estremamente importanti, perché ci fortificano, ci rendono consapevoli della differenza tra il bene e il male, e ci danno gli strumenti per migliorare noi stessi.

Così il rosso è diventato non solo il colore dell’amore, ma anche il simbolo della paura – di quella “zona rossa”, appunto, che abbiamo tanto temuto e odiato nelle ultime settimane; il bianco è diventato non solo il colore della purezza, ma anche della speranza e della gioia – la speranza di non vedere aumentare di nuovo i contagi; il verde è rimasto il colore degli alberi e dei paesaggi, che tuttavia per molto tempo abbiamo potuto contemplare, sospirando, solo da una finestra o da uno schermo.

Tutte queste riflessioni si sono poi tradotte in azioni e in progetti di vario tipo, a seconda non solo dell’età, ma anche della sensibilità e della creatività dei singoli: sono stati elaborati cartelloni di gruppo, poesie e temi, foto e disegni; sono state ideate brevi esibizioni canore, esibizioni di ballo, e piccole rappresentazioni di natura teatrale, il tutto sempre nel rispetto delle normative sanitarie vigenti. Le attività a distanza, in questo senso, hanno aiutato ad organizzare e a gestire il tutto in modo sicuro, permettendo ai giovani di poter comunque dedicarsi al progetto in modo alternativo, senza rischiare di restare in disparte.

L’emergenza pandemica derivata dalla diffusione del Covid-19 è stata, ed è tutt’ora, devastante, con conseguenze nel medio e nel lungo termine ancora difficili da prevedere o calcolare.

L’intenzione dell’Istituto, dunque, è stata ed è quella di permettere ai giovani che ne fanno parte, dalle materne alle scuole secondarie di secondo grado, di metabolizzare in modo lucido e consapevole quanto è avvenuto in quest’ultimo anno e mezzo. Soprattutto, è stato ed è il modo per noi di far comprendere ai bambini e ai ragazzi che il Covid-19 ci ha permesso comunque di scoprire – o di riscoprire – quali sono le cose davvero importanti per noi esseri umani: l’importanza e il valore della famiglia, prima di tutto, in quanto nucleo che sostiene e che protegge, ma che va anche protetto; l’importanza della socializzazione, dell’amicizia, dell’amore; il valore che può avere una carezza, un sorriso, un abbraccio, il suono di una voce ascoltata dal vivo e non attraverso un microfono; l’importanza che va data ai legami, alle persone a cui vogliamo bene; il valore delle emozioni della gioia, dell’entusiasmo, del piacere della scoperta e della realizzazione personale.

Lo scopo ultimo è quello di permettere ai nostri studenti di riappropriarsi della loro vita in tutti i suoi aspetti. In tutti i suoi COLORI!

Auguriamo dunque a questa grande famiglia montessoriana di godere di una rinnovata serenità, e di affrontare felicemente questi ultimi giorni di scuola.