CONDIVIDI

ll fumo si eleva alto dopo l’esplosione di due ordigni ad opera di terroristi, rimasti sconosciuti. Sul selciato morti e feriti, per la gran parte in codice rosso, mentre la macchina dei soccorsi composta da personale medico, Croce Rossa, Vigili del Fuoco, Protezione Civile cerca di farsi largo nelle strade dell’antica città tra lo stupore dei turisti. No, non è uno scenario di guerra, ma la simulazione di un attacco terroristico all’interno del Parco archeologico di Ercolano  organizzato dalla Croce Rossa Italiana nell’ambito dell’esercitazione nazionale denominata ‘EmerCampania 2019’. Nel sito di Ercolano, patrimonio Unesco, tutto ha avuto inizio alle 10.17 quando – secondo la simulazione – due terroristi, poi fuggiti via, hanno appiccato il fuoco a bombe provocando vittime sulla Terrazza di Marco Nonio Balbo, nei Fornici, nella Casa dell’Albergo e sul viale Maiuri.

A Somma Vesuviana, invece,  si è svolta ieri una  simulazione di come affrontare un’emergenza idrogeologica. “Tutti gli obiettivi dell’esercitazione – scrive il primo cittadino su FB- svolta dalla protezione civile, dalla croce rossa, col supporto della polizia municipale sono stati raggiunti. Si è stati operativi dalle 15 alle 18 ed il Casamale è stato percorso interamente ed i cittadini ascoltati per il censimento finale senza intoppi di sorta ed allarmismi. Alla fine ne è seguito un momento conviviale e di briefing presso l’enoteca de l’Arci dove le associazioni del borgo hanno accolto i volontari impegnati dell’esercitazione dimostrando l’ospitalità della nostra città”