CONDIVIDI

La prima settimana di giugno si apre con la presentazione del nuovo comitato civico, “Saviano al centro”, che si prepara in vista delle prossime elezioni amministrative. L’esponente del neonato gruppo, Leonardo Perretta, parla di un movimento capace di rendere il cittadino protagonista della vita politica del paese.

Dopo i vari episodi che nelle ultime settimane hanno portato la cittadina di Saviano sotto i riflettori, facendo parlare di sé per giorni in seguito alla dipartita del Sindaco e degli assembramenti creatisi in occasione dei funerali, sebbene vietati poiché in piena emergenza sanitaria, oggi sembra che qualcosa inizi a muoversi in vista delle prossime elezioni amministrative. I cittadini saranno chiamati a votare il nuovo sindaco che possa prendere degnamente il posto di Carmine Sommese, la cui carica è attualmente ricoperta dal vicesindaco, Carmine Addeo.

Dallo sconforto di un paese che lentamente si rialza dopo la ripresa delle attività – anche grazie ad un rallentamento dei casi positivi al Covid-19 manifestatisi nelle scorse settimane – nasce nel giorno della Festa della Repubblica “Saviano al centro”, il nuovo comitato civico che punta per le prossime elezioni ad affidare al cittadino il proprio ruolo di partecipante attivo alla vita politica comunale, abbandonando un passivo e inefficiente status di spettatore.

Dalle parole di Leonardo Perretta, esponente del gruppo, oltre che già presidente del consiglio comunale di Saviano, emerge una forte positività e fiducia nel portare avanti nuovi progetti da realizzare insieme, in uno scambio reciproco di idee, lasciando spazio a chi abbia voglia di confrontarsi e anche scontrarsi pur di raggiungere il bene della comunità. «“Saviano al centro” vuole rivolgere un segnale importante alla nostra comunità con coerenza e qualità progettuale. Non c’è e non ci potrà essere alcuna aspettativa di miglioramento se i destini di un Comune vengono affidati a trasformisti in cerca di poltrone. Noi stiamo da un’altra parte. Vogliamo fare politica in modo nuovo e autentico: a tutela dei diritti e nel rispetto della dignità delle persone, per rappresentare con rigore e trasparenza gli interessi legittimi di una comunità che vuole costruire il suo futuro».

Il movimento nasce dalla volontà di un gruppo di amici che si impegna nel ridare slancio con volti nuovi alla res publicadel paese, nel tentativo di marcare un segno di discontinuità rispetto alle linee politiche precedenti. Tra le priorità per il comune di Saviano c’è in primis il bisogno di ridare centralità al paese stesso: «Saviano al centro di idee, di progetti e di un nuovo modo di gestire e di fare politica» chiude in definitiva Leonardo Perretta.