CONDIVIDI
Lello Abete
L’avvocato Isidoro Spiezia, difensore del sindaco Lello Abete e del consigliere Pasquale Iorio

Il sindaco Lello Abete, indagato per l’inchiesta che ha portato alla luce un sistema criminoso finalizzato al mercimonio di posti di lavoro pubblici, insieme al consigliere di maggioranza Pasquale Iorio, al segretario generale Egizio Lombardi, ad Alessandro Montuori (titolare della ditta di selezione e concorsi, colui che materialmente truccava i concorsi), a Georgia e Biscardi e Paolo Manna (per ora in divieto di dimora in Campania) che sono rispettivamente la vincitrice di un concorso dietro pagamento di 50mila euro e di suo marito, risponderà alle domande del giudice.

«Il sindaco Abete è fiducioso, domani risponderà alle domande del gip e si difenderà dalle accuse, si dichiara del tutto estraneo ai fatti». A dirlo è l’avvocato Isidoro Spiezia che, insieme all’avvocato Giovanni Pansini, ha assunto la difesa del primo cittadino di Sant’Anastasia. Abete è detenuto nel carcere di Poggioreale ed è lì che questa mattina alle 10 ci sarà l’interrogatorio di garanzia. Il sindaco ha deciso, lo dice in anteprima il suo avvocato, di rispondere a tutte le domande. È affranto ma sereno. Per lui i suoi legali chiederanno la scarcerazione.

Spiezia al momento è anche il legale del consigliere Pasquale Iorio ma si starebbe valutando una netta divisione tra le due posizioni e, a quel punto, due linee di difesa differenti.  Nel caso, il sindaco sarebbe assistito soltanto dall’avvocato Pansini e Spiezia si occuperebbe della difesa di Iorio che, tra l’altro, oggi si avvarrà della facoltà di non rispondere.

La difesa del segretario comunale è affidata invece all’avvocato Antonio De Simone, mentre Alessandro Montuori sarà assistito da Vincenzo Desiderio del Foro di Nocera Inferiore.

Con tutta probabilità, per scelta dei legali, il sindaco Abete sarà forse l’unico a rispondere alle domande nell’interrogatorio di garanzia.