CONDIVIDI
a dx Luigi Di Maio e a sx Nicola Zingaretti
a dx Luigi Di Maio e a sx Nicola Zingaretti

Alleanza tra PD e Movimento Cinque Stelle a Pomigliano: c’è il via libera del partito di Nicola Zingaretti. L’ok è giunto ieri pomeriggio, dopo una serie di incontri istituzionali e politici tenuti a Roma tra il segretario provinciale di Napoli, Marco Sarracino, e i vari livelli del partito. Ieri Sarracino ha incontrato anche il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano. Al termine della giornata romana l’ultima parola è stata affidata al segretario provinciale. Il dirigente dei democrat di Napoli e dell’area metropolitana ha quindi comunicato che “spetterà ai singoli circoli del PD dei vari comuni napoletani al voto per il rinnovo dei consigli municipali decidere se allearsi o meno ai pentastellati”. Parole che tradotte in termini pratici sono il sostanziale via libera al patto con il Movimento Cinque Stelle nella città del suo leader, Luigi Di Maio. Da settimane infatti il circolo di Pomigliano del PD sta tenendo incontri con l’M5S proprio per stipulare l’accordo in vista della presentazione delle liste e delle candidature, fissata al 20 agosto prossimo. E nel tardo pomeriggio di ieri è giunto proprio in questa direzione il messaggio di Sarracino. “La segreteria provinciale ha voluto adottare un criterio molto semplice – scrive il segretario metropolitano – lasciare cioè ai direttivi dei circoli la decisione per la costruzione delle candidature e delle coalizioni in vista delle prossime elezioni amministrative. Questo vale per tutti i comuni, varrà anche per Pomigliano”. Sarracino comunque ha sottolineato la centralità politica della città delle fabbriche chiarendo che tutte le mosse politiche del partito in quella realtà saranno seguite direttamente dalla segreteria nazionale, segretario Nicola Zingaretti in testa. “La realtà pomiglianese – conferma infatti il segretario del PD di Napoli – ha un’importanza valoriale anche per il partito nazionale con il quale il nostro circolo locale è in continuo e costante aggiornamento”. L’intera posizione espressa ieri dal dirigente democratico ha lasciato molto soddisfatto il segretario cittadino del PD di Pomigliano, l’avvocato amministrativista Eduardo Riccio, 45 anni. “Condivido le parole del segretario provinciale del partito democratico – il commento di Riccio – per cui valuto positivamente la possibilità concessa a ciascun circolo di decidere in merito alle alleanze nei singoli comuni. Da sempre ho manifestato la necessità di cercare fino all’ultimo secondo la costituzione di un campo largo delle forze democratiche, riformiste e progressiste che sia alternativo alla destra sovranista”. Riccio è d’accordo anche sulla supervisione delle azioni del PD locale. “Ovviamente – conferma – tutti i passaggi saranno concordati con i livelli superiori”. Per quanto riguarda l’ormai più che probabile stipula dell’alleanza con il Movimento Cinque Stelle il dirigente cittadino del partito di Zingaretti conferma anche che “il circolo di Pomigliano sta lavorando per centrare quest’obiettivo”. A questo punto si profila una coalizione costituita da almeno 9 liste, quella del Movimento Cinque Stelle, quella del PD e di altre 7 compagini civiche tra le quali figura la lista marcatamente di sinistra denominata “Rinascita”. “Apprezziamo la decisione del Partito Democratico di dichiararsi disponibile a un’alleanza – commenta Salvatore Cioffi, capogruppo M5S a Pomigliano – lavoreremo insieme per dare alla città un governo all’altezza delle importanti sfide che ci aspettano, dal sostegno alle famiglie e a tutti i cittadini in difficoltà, al tema del lavoro, alla realizzazione di infrastrutture e servizi che dovranno fare di Pomigliano una città più moderna e vivibile”.