CONDIVIDI

Una corsa di solidarietà per aiutare la ricerca scientifica sulle malattie rare

 

Ieri 26 febbraio 2020, presso sede dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio – Sala Affrescata – è stata presentata la Walk of Life di Telethon 2020.

Una mattinata di confronto e promozione della Walk of Life di Napoli, per portare in piazza sempre più persone ed aumentare la raccolta dei fondi da destinare alla ricerca sulle malattie genetiche rare, finanziata da Fondazione Telethon.

Manca meno di un mese, infatti, alla nona edizione della Walk of Life, che si terrà il 22 marzo con partenza alle ore 9 da piazza del Plebiscito di Napoli.

Il coordinatore provinciale di Napoli, Tancredi Cimmino, ha ringraziato ripetutamente l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio rappresentato dal presidente Agostino Casillo e dal direttore Stefano Donati per la vicinanza che in questi anni sta dimostrando verso la nobile causa e per la grande ospitalità emersa durante l’incontro tenutosi presso la sede dell’ente.

Incontro a cui hanno partecipato con grande piacere, anche il campione paraolimpico Claudio De Vivo ed il comitato gelatieri campano, con il presidente Ferdinando Buonocore. Infatti, i gelatieri artigianali campani festeggeranno in piazza con Telethon la giornata europea del gelato artigianale. Durante l’incontro, un focus sulla ricerca del Tigem di Pozzuoli, grazie alla testimonianza del professor Carmine Spampanato.

La Walf of Life è una corsa di solidarietà nata nel 2012 e subito entrata nel cuore di tanti.

Ogni anno a Napoli e a Catania in tanti si mettono in gioco per portare un messaggio di speranza alle persone che non si arrendono a una malattia genetica rara. Una gara di solidarietà per aiutare la ricerca e per arrivare velocemente al traguardo della cura.

La IX edizione si terrà a Napoli il 22 marzo 2020. Una passeggiata non competitiva di 3 km pensata per tutti i cittadini e organizzata in più giornate all’insegna del divertimento e della generosità. La manifestazione inizierà con l’apertura del villaggio, animato da musica, sport e attività ludiche.

L’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, per il secondo anno, sarà partener dell’iniziativa a cui darà il patrocinio morale ed economico.