fbpx
giovedì, Ottobre 28, 2021

Ottaviano, il sindaco Capasso torna sui suoi passi: «Qualcuno si dispiacerà, ma io mi ricandido per i bambini»

A convincere il primo cittadino che aveva annunciato (leggi qui) di non volersi più candidare per motivi personali sono stati, a leggere il suo post facebook che al momento sta per sfiorare i mille likes, i bambini. Un gruppo di piccoli ottavianesi che è andato a trovarlo per tentare di fargli cambiare idea. Ci sono riusciti, facendo leva sui sentimenti. «Mi hanno commosso, la loro voce mi è entrata nell’anima». Ma, nei giorni trascorsi all’insegna dell’incertezza per una strada che sembrava già tracciata nonostante le difficoltà, la politica ottavianese non è stata con le mani in mano: a far capitolare Capasso deve essere stata pure la lettera che porta in calce i nomi di tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di tutti gli assessori della sua giunta, oltre che i ripetuti appelli dei concittadini che sui social hanno incalzato senza sosta affinché il sindaco cambiasse parere. Lo ha fatto. All’appuntamento con le urne, il 10 giugno, tra i competitor ci sarà anche lui, da primo cittadino uscente.

Di seguito, il post con il quale Luca Capasso ha comunicato alla città la sua decisione.  

«Quanto sta accadendo in queste ore mi ha consentito di comprendere che, per una persona come me, che si è data per passione e con dedizione ad una comunità che ama, la possibilità dell’abbandono non è contemplata. O almeno, non nei termini che avevo usato qualche giorno fa. Ho capito che il mio destino politico, ed in parte personale, non appartiene più esclusivamente a me. Le mie scelte non sono più solo mie, ma sono inevitabilmente patrimonio di tutti coloro che mi stanno dimostrando, in questo momento estremamente delicato, solidarietà, sostegno e soprattutto amore. Il senso di appartenenza alla comunità ottavianese sovrasta le mie prerogative, inibendomi scelte di tipo squisitamente soggettivo, imponendomi di essere presente. Questa lezione mi è giunta da tutti coloro che si sono spinti ben oltre la mera solidarietà, dai consiglieri comunali di maggioranza e dagli assessori ma soprattutto dai bambini, la parte più innocente e vitale di Ottaviano. Il loro appello mi ha commosso, la loro voce mi è entrata nell’anima aiutandomi a fare luce ed a individuare il giusto sentiero da percorrere. Ed ho capito che per “giusto” non posso intendere ciò che può fare bene a me ma ciò che può fare bene a tutti e ai bambini in particolare. Chiedo scusa per aver sottovalutato il radicato sentimento sedimentatosi in questi anni e per aver generato disorientamento in molti di voi. Grazie per la lezione di vita che mi avete regalato. Grazie ai consiglieri comunali di maggioranza e agli assessori per le belle parole di stima nei miei confronti. Grazie, non mi stancherò mai di ripeterlo, soprattutto ai bambini. Ricambierò con la stessa intensità e dedizione dimostratami. Grazie perché ora ho la forza per proseguire un cammino che, per una serie di vicissitudini che mi stanno tuttora attanagliando, si è fatto estremamente difficile ed estenuante. So che questa mia scelta di revocare cio che credevo essere irremovibile sarà colta da qualcuno con dispiacere, ma credo che chi vive la politica in modo passionale potrà essere soltanto contento della mia decisione di non abbandonare. Vado avanti. Andiamo avanti. #nonsonosolo #ilgrandecuoredeibambini #micandidoperibambini»

Daniela Spadaro
Giornalista professionista
Ultime notizie
Notizie correate